Nick Cave porta all’Auditorium il suo mondo scuro e senza limiti

0
97

Nick Cave ha superata la metà dei cinquanta ma per il mondo del rock rimane un punto di riferimento e i suoi concerti un rito catartico da seguire almeno una volta nella vita. Insieme alla sua band di sempre, The Bad Seeds, forma un sodalizio che ha superato i decenni, pur tra problemi personali, avvicendamenti e cambi di formazione. In questo tour, ad esempio, manca l’amico di sempre Mick Harvey, quello con il quale Nick formò la band dopo la fine dell’esperienza comune con i Birthday Party,  ma torna Barry Adamson con il suo organo. L’appuntamento è per mercoledì 27 novembre, all’Auditorium Parco della Musica di Roma dove l’eclettico poeta dark australiano e i suoi “semi cattivi” faranno tappa con il loro tour europeo dedicato all’ultimo album, “Push The Sky Away”, uscito lo scorso febbraio.

Nella lunghissima carriera di Cave questo disco rappresenta il classico punto di maturazione che fa storcere il naso ai fan della prima ora, ma che regala nuovi spunti e atmosfere più raffinate, soprattutto se paragonate ai deliri punk degli inizi, negli anni ’80. Un album sicuramente più spirituale, degna conseguenza della strana religiosità ritrovata da Nick negli ultimi anni, un qualcosa a metà tra l’ortodossia cattolica e l’ateismo scettico. “È un disco che osserva il mondo – lo ha spiegato Cave stesso –  ma anche molto più di questo. È un album molto più riflessivo e gentile. Ce ne sentiamo orgogliosi.” Un album più rilassato ma non per questo meno ribelle, improntato com’è sull’avversione al concetto di “limite”, sia musicale, lirico, o spirituale.

La scaletta prevede un discreto mix di vecchi e nuovi brani, con l’ultimo album a monopolizzarla ma con frequenti salti nel passato, come con “From Her to Eternità”, brano che insieme a “The Carny” segna la memorabile partecipazione di Nick e della sua band a uno dei film più celebri della storia del cinema. Siamo nel 1987, e Nick compare nel ruolo di sé stesso mentre suona in un locale della città dove vive da qualche anno. Dietro la macchina da presa c’è Wim Wenders e quelle immagini diventeranno una parte importante de “Il cielo sopra Berlino“, ma anche della storia dei Bad Seeds. Nella scaletta del concerto romano ci saranno anche “Red Right Hand” (da “Let Love In”, del ’94), “Papa Won’t Leave You, Henry” (da “Harry’s dream”, del ’92) e “Your Funeral… My Trial” del 1986.

Il tour, che oltre a Roma tocca, in Italia, Milano e Bologna, è anche il preludio ad un live registrato negli studi di radio KCRW di Los Angeles e in uscita il 2 dicembre.

 

Location: Auditoriumm Parco della Musica, Sala Santa Cecilia
Orario: 21.00
Data: mercoledì  27 novembre 2013
Prezzo: da 40 a 60 euro
Indirizzo: via , Roma
Info: +39 06.892982

 

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SUI PRINCIPALI EVENTI DI ROMA DIRETTAMENTE NELLA TUA EMAIL

[wpmlsubscribe list=”27″]