Paolini al teatro Argentina di Roma in “Ballata di uomini e cani”

0
138

Era il 1983 quando Marco Paolini organizzò insieme alla sua compagnia uno spettacolo in una stazione ferroviaria. Narra la leggenda (anzi, lo narra Paolini stesso) che tra il pubblico ci fosse anche il grande Carmelo Bene. Interrogato in merito alle sue impressioni sullo spettacolo, il maestro, dopo svariati e irripetibili insulti, sentenziò: “Non è il teatro ad aver bisogno di voi, ma siete voi ad aver bisogno del teatro!”. Oggi possiamo dire che, segnatamente al caso di Paolini, Carmelo Bene si sbagliava. Marco Paolini è ormai un punto fermo del teatro di narrazione italiano e il suo prossimo debutto al teatro Argentina di Roma è un nuovo capitolo di questa esaltante storia.

Ballata di uomini e cani” fonde tre racconti di Jack London, intrecciandoli in un racconto con gli episodi giovanili tratti dalla biografia del romanziere americano, alternando racconto e ballate composte ed eseguite dal vivo da Lorenzo Monguzzi, (affiancato in scena da Angelo Baselli e Gianluca Casadei), e illustrati dalle video-animazione di Simone Massi.

Tra epica della corsa all’oro e umorismo, sullo sfondo dei paesaggi gelidi e selvaggi tra Canada e Alaska, Paolini racconta le storie di “Macchia”, “l’unico cane da tiro che non tira”, o “Bastardo”, protagonista di battaglie violente col suo padrone Black Leclèr. Oppure il duetto uomo animale in “Preparare un fuoco”, lotta per la sopravvivenza di un giovane avventuratosi nell’inverno del Klondike, che congela sotto lo sguardo disincantato del suo cane.

“Ballata di uomini e cani è un tributo a Jack London” spiega lo stesso Paolini. “A lui devo una parte del mio immaginario di ragazzo, ma Jack non è uno scrittore per ragazzi, la definizione gli sta stretta. È un testimone di parte, si schiera, si compromette, quello che fa entra in contraddittorio con quello che pensa. È facile usarlo per sostenere un punto di vista, ma anche il suo contrario: ‘Zanna Bianca’ e ‘Il richiamo della foresta’ sono antitetici. La sua vita è fatta di periodi che hanno un inizio e una fine e non si ripetono più. Lo scrittore parte da quei periodi per inventare storie credibili dove l’invenzione affonda nell’esperienza e la supera. La produzione letteraria è enorme, e ancor più lo è pensando a quanto poco sia durata la sua vita”. “Ballata di uomini e cani” sarà in scena dal 21 gennaio al 2 febbraio.

 

Titolo: Ballata di uomini e cani
Location
: teatro Argentina
Orario: 21.00 (giovedì e domenica ore 17.00, sabato ore 19.00, lunedì riposo)
Data: dal 21 gennaio al 2 febbraio 2014
Prezzo: da 12 a 27 euro
Indirizzo: largo di Torre Argentina 52, Roma

 

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SUI PRINCIPALI EVENTI DI ROMA DIRETTAMENTE NELLA TUA EMAIL

[wpmlsubscribe list=”27″]