Delitto Mirza, condanna a 30 anni

0
36

 

Trent'anni di carcere per Ih- met Murasa il 46enne romeno che a Guidonia nel maggio scorso massacrò con trenta coltellate l'ex fidanzata Daniela Mirza 28 anni sua connazionale. La sentenza è stata pronunciata ieri mattina presso il Tribunale di Tivoli. Il massimo della pena per l'uomo, con precedenti penali, che ha chiesto di essere giudicato con il rito abbreviato. Un omicidio che aveva sconvolto l'intera comunità guidoniana quello di Daniela Mirza. Ihmet Murasa era uscito dal carcere cinque giorni prima del brutale omicidio. Il 46enne non aveva accettato la fine della relazione con la connazionale che lo aveva lasciato diversi mesi prima.

L'aggressione in via Antares, nel nuovo com- prensorio del Parco Azzurro. Ih- met era stato bloccato in strada, sporco di sangue, dai carabinieri del capitano Emanuela Rocca. A terra, il cadavere di Daniela massacrata con oltre 30 coltellate. La tragedia si era consumata sotto gli occhi di due testimoni e, subito dopo era piombato, in lacrime, il nuovo compagno della donna. La relazione tra Daniela e Ihmet si era interrotta dopo 7 anni. Lui però non riusciva a darsi pace. Rilasciato dal carcere il 30 aprile dopo aver scontato un residuo di pena, l'uomo aveva tentato più volte di avvicinare la ragazza e convincerla a riallacciare il rapporto.

Quella mattina del 4 maggio il 46enne si era presentato a sorpresa nella villa dove Daniela faceva le pulizie. Dopo una violenta discussione l'aveva pugnalata con un coltello da cucina fino a spezzare la lama. La donna aveva provato a fuggire in strada ma l' ex fidanzato l' ha inseguita, armato di un altro coltello è l'aveva accoltellata diverse volte. Poi l' aveva finita squarciandole la gola. Subito dopo l' assassino aveva tentato di uccidersi ma era stato bloccato dai carabinieri.