Morto suicida nel lago di Castel Gandolfo

0
220

 

Litiga con la moglie la sera ad Albano e poi si suicida nel lago di Castel Gandolfo. A recuperare il cadavere dalle acque lacustri, sul versante di via dei Pescatori, ieri mattina intorno alle 11, i militari della compagnia di Castel Gandolfo diretti dal capitano Aureli. Un'altra discussione tra le mura di casa, rabbia, sconforto voglia di farla finita. Chissà cosa è passato per la testa a V.S., un uomo di 40 anni, moro, di bella presenza con in piedi un'attività commerciale a Cecchina, frazione di Albano.

L'uomo soffre di depressione e per questo è in terapia da uno specialista. Esce di casa il mercoledì sera dopo un'animata discussione con la moglie e sale a bordo della sua macchina, una Matiz blu. Porta con sé il cellulare. Si fa notte e l'uomo non torna a casa. Sono tutti preoccupati, la moglie e i suoi due figli minori non lo vedono rientrare. Anche le sorelle di Vittorio sono in ansia. I familiari iniziano a telefonargli. L'uomo risponde, ma non dà mai informazione su dove si trovi, probabilmente continua a discutere e probabilmente la sua famiglia capisce che Vittorio potrebbe compiere un gesto inconsulto. Nessuna notizia per l'intera notte.

Al mattino, intorno alle 9 circa, un passante chiama i carabinieri di Castel Gandolfo dopo aver notato una vettura, una Matiz, con le chiavi inserite, e un giubbetto galleggiare sul lago. E' infatti insolito vedere un auto parcheggiata con le chiavi attaccate proprio da quelle parti, in via dei Pescatori, a ridosso del cancello che accede al bosco. «E' la sua Matiz» avranno pensato i familiari dell'uomo quando hanno ricevuto la segnalazione dei carabinieri.

Certo, la presenza di un giubbotto galleggiante ha eliminato gran parte della speranza dei parenti di poter riabbracciare l'uomo e raccontare l'episodio solo come una litigata fra coniugi. Purtroppo non è andata così. La salma è stata portata intorno alle 14 all'ospedale di Albano. L'operazione di rinvenimento si è svolta di fronte agli occhi dei familiari che sono rimasti per tutto il tempo in un angosciato silenzio.

 

Maria Chiara Shanti Rai

È SUCCESSO OGGI...

Ardea, la giunta dice “no” alla biogas Suvenergy

La giunta comunale di Ardea ha approvato nella seduta di oggi una memoria ostativa in merito alla centrale biogas “Suvenergy” nel quartiere di Pescarella. “Con questa delibera abbiamo deciso di dare un netto 'no' a un impianto...

Bimbo di 2 anni ustionato in spiaggia a causa dei resti di un falò

Nei giorni scorsi un bambino di due anni è stato ricoverato in ospedale con una ustione di secondo grado ai piedini dopo essere affondato in spiaggia sulla brace ancora viva di uno dei falò...

Ciampino, un’estate di fuoco: emergenza incendi boschivi

L'estate 2017 è stata finora la più impegnativa​, ​da​ molti anni a questa parte​,​ nella regione Lazio e nella provincia di Roma per quanto riguarda il fenomeno degli incendi boschivi, tanto da far emanare dalla Prefettura...

Lazio-Spal, aggrediti due tifosi ospiti. Un arresto

Dovrà rispondere di rapina aggravata il tifoso biancoceleste che ieri sera, al termine della partita Lazio-Spal, insieme ad altre persone, ha aggredito due tifosi ospiti rei di indossare le sciarpe della Spal. Sono stati gli agenti...

Rubano motociclo d’annata, ma vengono ripresi da una telecamera

Due fratelli romani di 29 e 35 anni sono stati scoperti e denunciati a piede libero dai carabinieri della Stazione di Cerveteri dopo aver rubato una vespa d’annata, caricandola sulla loro auto. I militari sono...