Stati generali, identificati i minisindaci manifestanti

0
28

Mattinata agitata al palazzo dei congressi dell’Eur. L’apertura dei tanto attesi “Stati generali” della città, seguitissimi dalla stampa locale in attesa di roboanti annunci, è stata caratterizzata prima di tutto dalle proteste nel piazzale antistante il palazzo. I minisindaci che ieri avevano espresso il loro dissenso per non essere stati coinvolti nella grande kermesse piena di nomi altisonanti, esperti e personalità che magari non conoscono da dentro i problemi della città, hanno inscenato stamattina una pacifica protesta, presentandosi con la fascia gialla e rossa all’ingresso del palazzo.

Per tutta risposta le forze dell’ordine sono intervenute chiedendo ai presenti Sandro Medici (X), Gianni Paris (XV), Andrea Catarci (XI), Susi Fantino (IX), Orlando Corsetti (I), Antonella De Giusti (XV II), Giammarco Palmieri (VI) i documenti per l’identificazione, spiegando come fosse una procedura di rito nel caso di manifestazioni non autorizzate. Solidarietà ai manifestanti è arrivata dal coordinamento di Sel di Roma.

Intanto sempre in mattinata Verdi, Socialisti e Radicali hanno portato anche loro davanti al palazzo dei congressi euna vera manifestazione di "controinformazione", presentando "un dossier relativo alle vere emergenze di Roma" per svelare "la manifesta incapacita' di governare la Capitale da parte del sindaco. Dallo smog, alla questione sicurezza, dal trasporto pubblico ai rifiuti, fino ai reali aumenti delle tariffe, alla diminuzionedei servizi sociali, dagli atti di omofobia ai diritti sociali, alla questione rom: saranno resi noti tutti i dati che segnano il fallimento della giunta di centrodestra".

E domani è già stata programmata una manifestazione di sindacati di base e movimenti per la casa contro gli Stati generali, con partenza alle 9.30 dal PalaEur. (5web)