Turbogas, pronto un ricorso al Tar

0
34

 

La battaglia per la costruzione della centrale cogenerativa del IV Chilometro proseguirà nelle aule del tribunale. L'annuncio arriva dalle associazioni GrilliArtena, Impegnocivicoperartena e Rete per la tutela della Valle del Sacco che con la collaborazione di un ufficio legale stanno preparando un ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio. Due gli aspetti contestati: l'iter amministrativo, su cui pare siano state individuate delle irregolarità, e le caratteristiche “tecnico-scientifiche” dell'impianto. 

 

«Stiamo discutendo gli ultimi dettagli – spiega Alberto Valleriani, presidente di Retuvasa – Si tratta di un procedimento complesso che necessita peraltro del sostegno di cittadini e Ammnistrazioni locali. Ci preoccupa il silenzio del comitato locale del IV Chilometro e del Comune di Colleferro che non ha ancora risposto alla mozione della Provincia per la sospensione dei lavori. Avremo bisogno di un grande sostegno popolare per vincere questa battaglia». 

Già avviata una campagna di adesione via internet.

 

«Per chi vuole sottoscrivere il ricorso a costo zero e la sicurezza di nessuna azione di rivalsa da parte della ditta costrutrice in caso di insuccesso – si legge in una nota stampa di Grilliartena –  può contattarci direttamente». 

I dettagli del provvedimento saranno resi noti entro la fine della prossima settimana al termine di una serie di incontri con i legali. Il sindaco di Artena, al termine di un confronto in giunta, ha manifestato ieri l'intenzione di sostenere questa iniziativa.

 

«La battaglia legale al momento è l'unica strada percorribile per opporsi alla realizzazione di questo impianto – ha detto ieri il sindaco Mario Petrichella. Il divieto già imposto per il passaggio di un metanodotto nel territorio comunale potrebbe infatti non bastare. Ci batteremo fino in fondo  – continua il sindaco – per opporci a questo impianto ma avremo bisogno del sostegno di tutti».

 

 

cs