Taxi, il Tar dà ragione ai cittadini consumatori

0
17

 

Il Tar del Lazio ha confermato la sospensione degli aumenti delle tariffe dei taxi nella Capitale. La decisione è della II sezione che ha confermato in composizione collegiale lo stop agli aumenti deciso il 3 febbraio scorso. La decisione è stata presa in accoglimento delle richieste fatte da Codacons, Associazione utenti dei servizi pubblici, Movimento difesa del cittadino e Unione nazionale consumatori. I giudici hanno già fissato all' 8 giugno l'udienza di di- scussione di merito.

Il Codacons ha impugnato la delibera comunale di adeguamento delle tariffe risalente al luglio scorso, il parere della Commissione di con- gruità e la circolare con la quale l'assessore comunale alla mobilità Aurigemma ha sollecitato le officine ad adeguare i tassametri.

Per l'associazione, gli aumenti tariffari sono stati stabiliti in base a un «modello econometrico» di cui «non è dato conoscere – si legge nel ricorso – quali sono i parametri, i criteri adottati e le modifiche effettuate». Secondo il Codacons, sarebbe bastato leggere «il numero dei chilometri per- corsi a tassametro in un anno, il numero dei chilometri percorsi a vuoto in un anno e il numero delle corse effettuate» e aggiun- gere «i dati della Banca d'Italia sui costi o i dati del settore trasporti dell'Istat» per stabilire «se e di quanto le tariffe dovrebbero aumentare».