VIDEO/ Premio Valerio Verbano, per non dimenticare

0
24

Si è svolta nella mattinata di ieri, 23 febbraio, presso il Teatro Ambra Garbatella a Roma, la terza edizione del Premio Valerio Verbano, in presenza di Carla Verbano e dell’assessore provinciale al Lavoro e Formazione Massimiliano Smeriglio. 

La Provincia di Roma ha così rinnovato l'impegno a ricordare Valerio Verbano, studente romano ucciso il 22 febbraio del 1980 da un commando di cui ancora non si conoscono i nomi, organizzando la terza edizione del Premio, a cui partecipano ogni anno centinaia di ragazzi dei 5 Centri di Formazione Professionale della Provincia di Roma.

Il concorso è nato, infatti, con la doppia finalità di ricordare Valerio, assassinato a soli 19 anni per le sue indagini nel mondo dell’estrema destra romana, e di permettere ai giovani studenti dei centri provinciali di formazione di esprimere la propria creatività attraverso la produzione di cortometraggi e corti teatrali sui temi dell’impegno civile, delle difficoltà della crescita, delle tematiche adolescenziali.

“Questo premio assassini – ha dichiarato l’assessore Smeriglio – è un modo per noi di mantenere viva l’attenzione nei confronti di una vicenda, quella di Valerio Verbano, che a più di trent’anni dalla sua morte non ha ancora trovato colpevoli. Il silenzio, in questi come in molti altri casi degli anni di piombo, può essere il migliore alleato degli Abbiamo pensato che per rendere omaggio alla memoria di Valerio il modo migliore fosse quello di permettere a dei ragazzi di esprimersi attraverso i linguaggi a lui più cari, cioè quello dell’approfondimento, della creazione e della ricerca”.

I lavori presentati al concorso sono stati il prodotto di una collaborazione “creativa” tra gli studenti provenienti dai 5 CPFP, l’attrice Anna Foglietta che ha coordinato i testi teatrali, ed esperti di tecniche di ripresa, montaggio, recitazione che hanno affiancato i ragazzi durante le produzioni.

Il premio di miglior cortometraggio è andato ai ragazzi del CPFP di Cave che con “Domande e Libertà” hanno affrontato importanti quesiti sull’arte, il lavoro, il futuro e la libertà. Il CPFP di Marino si è, invece, aggiudicato il premio di Miglior corto teatrale con l’adattamento di un testo di Lagerkvist, "Lasciate vivere l'uomo", sui temi della giustizia e della responsabilità umana. Tutti gli studenti premiati hanno vinto un buono di mille euro da spendere per acquistare materiale multimediale didattico come dvd e cd.

Visualizza il video della premiazione