Rom a Castelnuovo, sindaci in rivolta

0
92

Alemanno non puòspostare i problemidi Roma in provincia,lo ha già fatto nel 2009 enoi oggi siamo pronti adare battaglia contro la decisione di trasferire i nomadi provenienti dagli insediamenti abusivi nelCara». Queste le parole acaldo di Fabio Stefoni, sindaco di Castelnuovo  diPorto, sull’ipotesi di tra-sferimento dei rom dallaCapitale, che ha riunito ierii colleghi dei comuni vicini.Monterotondo, Capena,Morlupo, Riano, PalombaraSabina e Rignano, tutti con-trari al nuovo piano nomadiillustrato l’altro pomeriggioin Campidoglio in cui difatto il Comune di Romaha cancellato l’idea tendo-poli individuando nel cen-tro di accoglienza richie-denti asilo di Castelnuovo il luogo in cui accogliere,a rotazione, i rom sgombe-rati dai microinsediamentiabusivi. E per far posto, ledecine di rifugiati politiciattualmente ospitati nelCara entro breve verrannoa loro volta trasferiti nel-l’ex villaggio dei militariUsa di Mineo a Catania.

«Inbarba alla integrazione –ha commentato il sindacodi Castelnuovo – Che nesarà di tutti quei bambiniche da due anni siamo riu-sciti a inserire nella nostrarealtà?». Ma il nodo è an-che l’incapacità, secondo isindaci dell’area, di riuscirea gestire la situazione. «Hoa disposizione solo quattrovigili urbani – dice Stefoni- e non sappiamo neanchequanti rom verranno tra-sferiti né esattamente perquanto tempo».  Dopo ilvertice di ieri, previsto an-che un Consiglio comunaleaperto a cui sono stati in-vitati il sindaco Alemanno,il presidente della RegioneLazio Renata Polverini e ilprefetto Giuseppe Pecora-ro. In programma anchecomunicati stampa e ini-ziative di protesta.

«Trasferire qui i rom, tra iquali molti bambini – hannoin più di una occasione sot-tolineato i sindaci dell’area- provocherà ricadute fa-cilmente ipotizzabili e nu-merose criticità, il territorioè già gravato da situazionisocio-economiche critichee non può sopportare ulte-riori situazioni di precarie-tà. La popolazione, che finoad ora ha dimostrato unaelevatissima disponibilitàall'accoglienza ed una pro-fonda sensibilità verso leproblematiche di afgani,etiopi e somali – che effet-tivamente vivono in unasituazione di emergenza -è adesso in allarme». Tre gli step previsti nelnuovo piano di trasferi-mento. Si potrà cominciarea sgomberare i microcampiabusivi già dalla settimanaprossima, in maniera si-stematica, avendo una di-sponibilità che oggi è di200 posti ma che con losgombero dei richiedentiasilo, possono diventare700. In secondo luogo, ilCara verrà gestito dallaCroce Rossa Italiana . Infi-ne,  la richiesta  al governodi fare una legge per ga-rantire l'allontanamento deineo-comunitari. 

 

Adriana Aniballi

È SUCCESSO OGGI...

Giampiero Ingrassia e Gianluca Giudi a teatro con lo spettacolo Taxi a due piazze

Teatro Marconi, Taxi a due piazze con Giampiero Ingrassia e Gianluca Guidi

Il Teatro Marconi ospiterà un grande spettacolo dal 5 al 14 maggio. Sul palco saliranno infatti due grandi artisti come Giampiero Ingrassia e Gianluca Guidi per uno spettacolo davvero di grande successo: Taxi a due piazze. TAXI A...

Cerveteri, bufera Marini su Zito: “Asfalta la campagna elettorale”

«La presunzione di alcuni esponenti dell’Amministrazione comunale uscente suona come uno schiaffo ai 40mila cittadini della nostra comunità, trattati come fossero già tutti con il cervello all’ammasso». Il vice sindaco asfalta la campagna elettorale e...

Blitz contro i “manolesta”: arrestati numerosi scippatori

Proseguono con profitto i servizi antiborseggio predisposti dai Carabinieri del Comando Provinciale di Roma a bordo dei mezzi pubblici ma anche nei luoghi maggiormente affollati della Capitale. Le decine di pattuglie in abiti civili...

Fermato rapinatore seriale di collane: derubava signore in bici

Individuava le sue vittime, di solito signore sole in strada, e, a bordo di una bicicletta, si avvicinava e strappava loro le collane dal collo, per poi fuggire rapidamente. Le sue “volate” per le vie...

Mafia capitale, Buzzi e il Karaoke della corruzione

Nel corso della requisitoria del procuratore aggiunto Paolo Ielo nell'aula bunker di Rebibbia ricompare il nome dell'ex sindaco Gianni Alemanno  la cui posizione, va ricordato, è stata stralciata dal maxi-processo 'Mafia Capitale' ed è...