La lunga attesa al pronto soccorso

0
82

Una lunga fila allo sportello accettazione, posti a sedere insufficienti e tanti quelli costretti ad aspettare fuori al caldo. Un lunedì pomeriggio qualunque al pronto soccorso dell’ospedale Grassi, ore interminabili per tante persone in ansia per i loro cari o che attendono di entrare per essere visitate. Per tutti l’ennesima giornata di disagi. Perché l’unico pronto soccorso del Municipio XIII raccoglie anche tutta l’utenza del Comune di Fiumicino, dell’aeroporto e dell’intero litorale. La piccola sala d’attesa è troppo piccola per accogliere un afflusso continuo di persone. Con l’arrivo dell’estate e del caldo in molti decidono di aspettare fuori, dal momento che l’attesa si profila lunga per tutti. Perché il sovraffollamento è talmente alto che dai codici gialli in giù, si prevedono da un minimo di due ore a un massimo impossibile da quantificare. «Non è un mistero che c’è mancanza di personale – racconta Sofia una signora in attesa già da due ore e che ha accompagnato il marito. – I medici e gli infermieri cercano di fare quello che possono, ma con questa affluenza come si fa. È evidente che andrebbe potenziato il servizio. Ma se qui vengono chiusi i reparti figuriamoci se viene migliorato il pronto soccorso. Io stessa per fare i controlli ogni sei mesi per il diabete sono costretta a andare a Roma perché qui non c’è posto».

Non prevede tempi rapidi neanche Marta che ha portato la sorella con un dito rotto: «Una mia amica è da stamattina alle 9.30 che aspetta per fare le analisi al figlio. Sono le 16.30 ed è entrata da poco. Penso che per mia sorella andrà allo stesso modo». Oltre allo sconforto si aggiunge la rassegnazione.«Ci sono problemi anche per i posti letto. Stanno cercando di trasferire qualche paziente perché dentro sono al collasso. Anche per questo si sono allungati i tempi di attesa – Ci racconta Maria che ha portato la madre dopo un incidente –  Ma c’è anche tanta lentezza burocratica, complicata dalla carenza di organico. Mia madre doveva essere trasferita all’ospedale di Latina stamattina. Dovevano solo inviare un fax, ma con il pienone e le poche persone oberate di lavoro, il posto letto è stato occupato per un’emergenza» Nell’attesa si cerca di solidarizzare il più possibile. Tutti si precipitano ad aiutare una donna per caricare in macchina il padre appena uscito con la sedia a rotelle. Il signore con la guancia tumefatta non può camminare perciò una delle figlie riesce ad arrivare tra mille ostacoli con la macchina sino all’entrata. Tutti danno a una mano allo staff sanitario perché, si sa, il Grassi è in allarme rosso.  

Fabrizia Memo 

È SUCCESSO OGGI...

Maxi sequestro di droga: 322 kg di marijuana. Quattro giovani arrestati alle porte di...

Quattro persone arrestate e 322 Kg di marijuana sequestrati sono il bilancio di un'operazione dei carabinieri della Compagnia di Frascati a conclusione di una breve attività d'indagine, avviata qualche giorno fa. In manette sono...
autobus atac

Controlli sui mezzi pubblici, presi cinque borseggiatori in poche ore

Nell’ambito dei servizi di prevenzione per la sicurezza della Capitale, i carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno intensificato i controlli a bordo dei mezzi pubblici e delle fermate della metropolitana, per garantire maggiore...

Esce di galera con un permesso premio e va a rapinare una posta

Gli investigatori della Polizia di Stato del commissariato Primavalle, che svolgevano le indagini sulla rapina a un ufficio postale del 16 agosto scorso, non potevano riconoscere il malvivente, a volto scoperto, per il semplice fatto che...

Sgombero piazza Indipendenza, soluzioni del Comune non gradite

Sono stati sgomberati alle prime ore del mattino i giardini di piazza Indipendenza, abusivamente occupati da circa 100 cittadini stranieri che da anni occupavano lo stabile di via Curtatone.  L'intervento - si legge in una...

Incendia i furgoni di una ditta, lo riconoscono dai tatuaggi e dalle ustioni

Ha scavalcato la recinzione di una ditta di trasporti e, una volta giunto sul piazzale, ha rivolto la sua attenzione ad alcuni furgoni parcheggiati, sui quali ha versato del liquido infiammabile che aveva portato...