Quella fontana ridotta a cassonetto

0
18

Pavimenti saltati, bottiglie galleggianti dentro la fontana, piatti e rifiuti nascosti in mezzo ai cespugli. Lo spettacolo desolante è quello della rotonda del lungomare che si trova in fondo alla via Cristoforo Colombo. Sul centro della piazza c’è un’aiuola in cui gli automobilisti che passano hanno gettato ogni genere di rifiuti: oltre a fazzoletti, mozziconi e pacchetti di sigarette a terra ci sono persino dei vestiti abbandonati e contenitori di plastica. Superata la rotonda lo scenario sulla terrazza antistante non migliora. La terrazza sorge in una posizione inviabile sul mare ma è completamente abbandonata e quindi scarsamente fruibile da turisti e residenti.

La fontana che si trova al centro non è funzionante. La manutenzione non deve essere molto frequente dal momento che nell’acqua ristagnante sono abbandonate numerose bottiglie e buste di plastica. Ma i segnali dei bivacchi notturni non finiscono qui. Nelle aiuole che corrono intorno alla fontana in mezzo ai cespugli, oltre a fazzoletti e bottiglie, è possibile trovare addirittura bicchieri e piatti di plastica. A giudicare dalla quantità di spazzatura e dalle piante completamente rinsecchite, della pulizia e manutenzione della fontana non si occupa più nessuno da parecchio tempo. Il pavimento della terrazza è saltato su più punti e quindi anche passeggiare è pericoloso perché si rischia di inciampare spesso. Rotte in alcuni tratti sono anche le protezioni che circondano il perimetro della terrazza. Sulle panchine con vista sul mare ci sono numerose bottiglie di vetro alcune delle quali anche spaccate. «Venivo qui spesso per leggere il giornale la mattina» ci racconta Sara Gigli «ma ultimamente sto rinunciando perché l’ambiente è sempre più degradato ed ogni mattina non so mai cosa troverò di nuovo. Soprattutto d’estate i bivacchi notturni aumentano e con questi anche i rifiuti. È davvero un peccato perché sarebbe un posto bellissimo per passeggiare o per portare i bambini a giocare»  

Fabrizia Memo