Sedici milioni per arginare il Tevere

0
17

Più di sedici milioni di euro per Monterotondo Scalo per interventi di arginatura e casse di espansione. La notizia era stata già anticipata dall’assessore regionale all’Ambiente Marco Mattei che è tornato a parlarne anche l’altro giorno durante il convegno su viabilità e infrastrutture nell’area eretina che si è tenuto a Palazzo Orsini. Il finanziamento per lo Scalo rientra nei 120 milioni di euro per la difesa del suolo nei comuni del Lazio scaturiti dall’accordo di programma fra Ministero dell’Ambiente e Regione Lazio e riguardano le emergenze legate al rischio di dissesto idrogeologico e da esondazioni. Proprio il rischio che il Tevere possa rompere gli argini sta “rallentando” la realizzazione di opere importanti.

Dopo una serie di incontri e la delibera dell’autorità di bacino e grazie al contributo di docenti universitari sono state individuate delle aree predisposte dove l’acqua può esondare senza provocare danni preoccupanti. Si è parlato anche delle nuove prospettive dello Scalo a seguito della realizzazione del collegamento tra l'autostrada A1 e via Salaria e la messa in sicurezza idraulica del quartiere. Numerosi gli interventi. Oltre a Marco Mattei hanno partecipato il vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio, Bruno Astorre, il vicepresidente della commissione di vigilanza al Pluralismo d'Informazione della Regione Lazio, Giuseppe Rossodivita, il presidente della commissione Urbanistica della Regione Lazio, Roberto Buonasorte, il vicepresidente della commissione ai Lavori Pubblici della Regione Lazio, Carlo Lucherini e infine, Luigi Cavalli, assessore ai Lavori Pubblici e all'Ambiente del Comune di Monterotondo. 

 Adriana Aniballi