Viabilità a Isola Sacra, si lavora per eliminare i disagi

0
21

In attesa della piena ripresa delle attività e dell’apertura delle scuole, dopo la pausa estiva, prosegue senza sosta il lavoro dei tecnici dell’assessorato ai Lavori Pubblici del Comune di Fiumicino per eliminare quelle criticità emerse dopo le modifiche dell'assetto viario all’Isola Sacra. A informare della novità è Roberto Cini, presidente del Circolo Aldo Moro del Partito democratico, tra i primi a segnalare i numerosi problemi derivanti dall’istituzione della nuova disciplina. A protestare vivacemente per il nuovo piano, istituito ai primi del mese di agosto, erano stati sia i cittadini sia i commercianti, che avevano lamentato un crollo delle vendite del 50 per cento alla darsena.

Nel frattempo, le associazioni locali e i rappresentanti dell’Amministrazione di via Portuense avevano presentato, lo scorso 23 agosto, un ordine del giorno congiunto perché il progetto fosse rivisto. «Un papocchio», lo aveva definito senza mezza termini Michela Califano, capogruppo del Partito democratico, mentre Mauro Gonnelli, presidente del Consiglio comunale, aveva rilevato una serie di “incongruenze”. Claudio Cutolo, capogruppo di Italia dei valori, aveva annunciato di aver raccolto già oltre 1500 firme di cittadini contrari denunciando «l’inutilità del piano in assenza della costruzione del nuovo Ponte 2 Giugno».

Insomma, salvo l’unica eccezione rappresentata da Alessandro De Nitto, presidente dell’associazione culturale Isola Sacra, e poche altre voci favorevoli, il progetto era stato bocciato. Bocciato e, almeno metaforicamente, fischiato. Così, dopo tante segnalazioni e lamentele, l’assessore Tonino Prete e i tecnici hanno deciso di rimettere mano al piano, procedendo innanzi tutto con la riapertura dell'accesso al parcheggio dell'Expo Leonardo da Vinci e consentendo di nuovo l'attraversamento di via del Faro per immettersi su viale Traiano per le auto provenienti da via della Scafa con l'obbligo agli stop. I cittadini sono adesso in attesa del ripristino dell'originario senso di marcia su via della Scafa nel tratto che va dalla Madonnella al Ponte 2 Giugno, augurandosi che questo avvenga prima della riapertura delle scuole e della piena ripresa delle attività, che inevitabilmente comporterà un surplus di traffico su via Coni Zugna.

«Questo», commenta Cini, «potrebbe essere utile perché i residenti di Isola Sacra usino il buon senso e per raggiungere la darsena e il lungomare utilizzino i percorsi alternativi creati con la nuova viabilità». Raggiunto un assetto definitivo, si dovrà poi necessariamente provvedere al potenziamento della segnaletica che adesso risulterebbe inadeguata. Anche i circoli Nuova Italia di Fiumicino, dopo aver polemizzato sulla nuova disciplina di traffico adottata dall’Amministrazione e sulla decisione di invertire il senso di marcia lungo il tratto finale di via della Scafa attendono provvedimenti risolutivi, visto che l’unica via d’entrata rimasta è ormai soltanto via delle Meduse. La mole di lavoro, hanno denunciato i commercianti, è calata del 50 per cento: a ferragosto i negozi erano deserti, un fatto mai accaduto e che preluderebbe alla chiusura di bar, ristoranti ed esercizi.

Maria Grazia Stella