Corridoio mobilità cittadini perplessi

0
24

Il corridoio della Mobilità, per il quadrante LaurentinoTor Pagnotta, entra nel vivo. Tre mesi, a partire dal 15 settembre, durante i quali la circolazione pubblica e privata subirà delle modifiche. «Per ora grossi disagi non si avvertono – conferma Andrea Gargano, coordinatore del Circolo Pd Laurentino – ma ci saranno certamente quando riapriranno le scuole». Restringimenti di carreggiata, a oggi, sono già operativi. Un danno per la circolazione locale. Anche se poteva andare peggio. «Il proposito iniziale era quello di chiudere tutta via Laurentina in direzione Gra – ricorda Maurizio Filipponi, portavoce del Consiglio di Quartiere Fonte Laurentino Ostiense – poi, grazie al nostro interessamento, l’amministrazione ha valutato di chiudere solo una carreggiata di via Campanile». I cittadini segnalano quindi difficoltà sulla viabilità ordinaria, ma esprimono anche scetticismo sulla scelta di usare i filobus.

«Le maggiori perplessità – spiega Filipponi – sono sul tragitto. Se non si farà, come sembra, il cavalcavia riservato sul Gra – che avrebbe consentito di unire Fonte Laurentino alla Metro B –  allora non si capisce proprio a cosa serva un filobus che viaggia in corsia protetta per soli 2,5 Km». Anche Alessandro Recine, Presidente del Cdq Fonte Laurentina, esprime un forte scetticismo: «Con  l’insediamento nel quartiere di Tor Pagnotta 2 – nuova zona prevista dal Prg alle spalle di Fonte Laurentina – di circa 12 mila abitanti, la situazione precipiterà. Per questo noi ci battiamo per la realizzazione del ponte sul Gra». Disagi a parte, il giudizio complessivo sull’intera operazione “Corridoio della Mobilità Laurentino-Tor Pagnotta” rimane in sospeso. 

 Fabio Grilli