Caserma ultimata da due anni ma inutilizzabile

0
50

Pronti a scendere di nuovo in piazza per la sicurezza e soprattutto per l’apertura della nuova caserma dei carabinieri di via della Foce Micina, a Fiumicino. Il presidio, che è stato ultimato un paio di anni fa, ancora non apre mentre i militari sono costretti negli spazi angusti, decisamente poco idonei e dove sono presenti anche le barriere architettoniche, di via Anco Marzio.  A rilanciare il problema, dichiarandosi pronti a nuove iniziative a tutela della sicurezza dei cittadini del comune traianeo, sono i circoli Nuova Italia di Fiumicino.

«E’ “stravagante”», dichiara Mauro Gonnelli, consigliere comunale Pdl, «che vi sia una nuova caserma e che invece i carabinieri si trovino a operare in una struttura inadeguata. Noi», prosegue, «non ci siamo certo mai vergognati a scendere in piazza né a fare le ronde: adesso attenderemo la fine del mese e se non avremo risposte attueremo delle iniziative». Gonnelli riflette anche sulle effettive necessità di un comune come Fiumicino, passato dai 15mila abitanti degli anni sessanta agli attuali 70mila. A questa crescita demografica e abitativa non è purtroppo corrisposto un adeguamento in termini di uomini e di mezzi delle forze dell’ordine. Basti solo pensare che gli agenti di pubblica sicurezza in forze alla stazione di via Portuense sono 63. Alcuni di loro a breve andranno in pensione. Né è stata sufficiente l’apertura del presidio di polizia di Fregene per fare fronte alle esigenze di un territorio che è tra i più estesi non solo del Lazio ma dell’intero paese.  

I circoli lanciano dunque un grido d’allarme per quanto sta accadendo: sembrerebbe che la nuova caserma rimanga chiusa per una serie di intoppi burocratici. Una situazione che si trascina da troppo tempo, però. E sono anche numerosi i cittadini che, esasperati, chiedono cosa si aspetti per reperire i fondi mancanti e dare finalmente all’Arma una sede adeguata.  In previsione dell’apertura, data continuamente per “prossima” e per “certa”, è stato perfino previsto lo spostamento del mercato del sabato di via della Foce Micina a Isola Sacra.  Il trasferimento consentirebbe infatti alle pattuglie dei carabinieri di muoversi liberamente, evitando gli ingorghi e la confusione propri del mercato.

Maria Grazia Stella