Slitta l’apertura della materna di via Menzio: bimbi senza scuola

0
24

Il lieto fine tarda ad arrivare per i bambini che aspettano l’apertura della scuola di via Menzio ad Acilia. Ieri ad un passo dalla soluzione, i termini dell’apertura sono nuovamente slittati, a causa della mancanza di alcuni documenti. I tecnici del Comune di Roma si sono presentati all’incontro di ieri mattina senza l’idonea certificazione. All’incontro erano presenti anche i tecnici del Municipio XIII e la dirigente scolastica, la professressa Marchei.

Quest’ultima in mancanza dei documenti si è rifiutata di prendere in consegna la scuola, rinviando il tutto. Inoltre i posti a disposizione per i bambini nella scuola non saranno settantacinque, come scritto nel decreto della Regione Lazio, bensì solo sessanta. «Continueremo a seguire la vicenda rinnovando la richiesta che le classi siano di quaranta ore con l'utilizzo di cooperative atte a coprire la fascia pomeridiana, anche con il contributo delle famiglie, come avviene in altri municipi» affermano i rappresentanti dei comitati Axa Malafede Villa Fralana e Amici della Madonnetta che seguono costantemente la situazione: «È scandaloso che molte delle famiglie in graduatoria in quest’incertezza non sanno che soluzione adottare. Inoltre oggi a distanza di 14 giorni dalla nostra ultima verifica, abbiamo potuto constatare che i lavori di ristrutturazione del nido "La Felce" non hanno ripreso il loro corso. Ricordiamo che i bambini di questo nido, sono ora in appoggio nel nido attiguo la materna di Via Menzio destinata ai piccoli utenti del quartiere costretti a spostarsi altrove».

Fabrizia Memo