Restyling della Bocca della verità parte dai giardini

0
28

Via Santa Maria in Cosmedin si rifà il look. La celebre via – su cui sorgono il Tempio di Vesta e, sul lato opposto, la Bocca della Verità – ha visto un completo rifacimento dei giardini. Le opere di riqualificazione, per le quali il Dipartimento Ambiente ha investito 330.000 euro, hanno interessato l'impianto di irrigazione (ampliato ed ottimizzato), mentre i tre giardini sono stati recuperati, con il conforto della Soprintendenza, secondo i disegni originari.

Il primo spazio verde, antistante il Tempio di Vesta, è stato trasformato in un giardino all'italiana; nel secondo spazio, posto al centro degli assi viari che conducono al Lungotevere, troviamo un piccolo roseto di esemplari antichi e fiorenti, mentre il terzo giardino è stato riportato in quota e lasciato a prato verde, in quanto rappresenta un possibile punto di sosta. Completano le opere il rifacimento delle pavimentazioni, l'apposizione di cordoli per scoraggiare il calpestio dei prati, l'apposizione di nuovi arredi per la fruizione, l'installazione di un impianto di illuminazione e la potatura delle essenze che insistono sul Lungotevere.

Alla riapertura dell'area verde hanno partecipato il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, insieme all'assessore all'Ambiente di Roma Capitale, Marco Visconti, e al presidente della Commissione Ambiente dell'Assemblea capitolina, Andrea De Priamo. "Questo – ha spiegato De Priamo – è un'importante intervento di riqualificazione. In questi anni l'amministrazione si è concentrata in tutta la città per ridefinire il verde pubblico, rispettando allo stesso tempo l'aspetto urbanistico, specie quando ci si è trovati in presenza di realtà archeologiche". Ha preso poi il microfono l'assessore all'Ambiente di Roma Capitale, Marco Visconti. "Oggi è una bella giornata per la nostra città: abbiamo risistemato questi giardini, e vorrei ingraziare l'amico Fabio De Lillo, che aveva messo in cantiere quest'opera. È importante, però, che queste aree siano mantenute: noi ce la mettiamo tutta, ma serve il rispetto da parte di tutti i cittadini. Ieri – ha aggiunto Visconti – ho fatto un giro a Villa Borghese e ho staccato delle locandine abusive: qualcuno ha apprezzato, altri mi hanno consigliato di farmi i fatti miei… Noi abitiamo nella città più bella, serve un risveglio da parte di tutti: dobbiamo saper mantenere quello che abbiamo".