Tragedia al Pertini: agente penitenziario muore schiacciato dal cancello

0
20

Dramma, questa notte, al reparto detentivo dell'ospedale Pertini di Roma dove un assistente capo della polizia penitenziaria, Salvatore Corrias, , è morto schiacciato dal cancello d'accesso. Lo ha reso noto la Fp-Cgil.

Corrias, 46 anni, effettivo alla Casa Circondariale di Roma Rebibbia, lascia una moglie e due figli. Duro il commento di Rossana Dettori e Lorenzo Mazzoli, Segretari Generali rispettivamente della Fp-Cgil Nazionale e della Fp-Cgil Roma e Lazio: “La morte di Salvatore Corrias, assistente capo della Polizia Penitenziaria in servizio al nucleo traduzioni e piantonamenti di Rebibbia, avvenuta presso il reparto detentivo dell'Ospedale Pertini, non può essere derubricata come una tragica fatalità. Nell'unirci al dolore della famiglia di questo servitore dello Stato, a sua moglie e ai suoi due figli, non possiamo nascondere come quest'ennesima tragedia abbia una causa politica che risiede nell'abbandono del sistema penitenziario italiano”. “Non è possibile – prosegue il comunicato – continuare a piangere vittime dell'immobilismo e dell'incuria dello Stato. Salvatore Corrias, lo diciamo senza remore, è una vittima dello Stato e del suo disinteresse nei confronti dell'emergenza umanitaria vissuta dal mondo del lavoro in carcere e dai detenuti, della politica dei tagli indiscriminati e dell'assetto normativo che ha ingolfato le carceri per rispondere a logiche meramente propagandistiche. La magistratura farà il suo corso e come sempre siamo fiduciosi sul corretto svolgimento delle indagini. Ma è chiaro a tutti noi che senza interventi risolutivi da parte del Governo e del Ministro Palma il sistema penitenziario non potrà uscire dal baratro in cui è finito. Dopo il cordoglio e il dolore sarà necessario intervenire e con celerità”.