Sciopero, metro e treno a singhiozzo

0
20

È iniziato alle 8.30 lo sciopero nazionale dei trasporti indetto da Usb e Faisa di 24 ore, mentre nella Capitale si sovrappone anche quello a carattere locale di 4 ore indetto dalla Fasisa-Cisal. I lavoratori coinvolti sono quelli Atac, Cotral, Roma Tpl e Roma Servizi per la Mobilità. Nella protesta è coinvolto il personale viaggiante e interno, compresi gli addetti alla verifica dei titoli di viaggio, addetti ai parcheggi, ausiliari.

Secondo Atac, alle 11 aveva aderito il 42%. Da questa mattina le linee della Metro hanno visto una riduzione delle corse, mentre scale mobili e ascensori sono attivi solo nelle stazioni Ponte Mammolo e Termini in direzione Rebibbia.

Per quanto riguarda le Ferrovie, la Roma-Lido, la Termini Giardinetti e la Roma-Viterbo risultano essere chiuse, mentre per tram e bus sono possibili cancellazioni di corse o sospensioni di linee durante le frazioni di sciopero.

L'astensione locale termina alle 12.30 mentre quello nazionale alle 17 per riprendere alle 20 e fino a fine servizio garantendo così la fascia di garanzia prevista dalla legge. Nella protesta è coinvolto il personale viaggiante e interno, compresi gli addetti alla verifica dei titoli di viaggio, addetti ai parcheggi, ausiliari. Aperte zone a traffico limitato (Ztl) del Centro storico e di Trastevere.