Lupi-Belviso, scintille su La Barbuta

0
19

Dopo le proteste degli scorsi giorni la settimana di passione, legata a “La Barbuta”, sembrava concedersi un weekend tranquillo. Giusto un miraggio, poiché venerdì sera un nuovo rogo al campo rom ha smosso le reazioni del Comune di Ciampino e del Campidoglio, portando alla ribalta il destino del “Villaggio della solidarietà”. Ad aprire le danze è stato il sindaco Lupi: «E' paradossale che in questo sito, tra pochi giorni, il campo verrà trasformato in un cosiddetto villaggio di solidarietà. È evidente che le belle parole della Giunta capitolina siano ancora una volta smentite dai fatti. Purtroppo sono stato triste profeta, quando affermavo che la presunta bonifica all’interno del campo non è stata effettuata, come è dimostrato dai copertoni di gomme che sono bruciati».

Lupi ha poi lanciato l’ennesimo invito: «Tutte le istituzioni competenti facciano un passo indietro e ripensino la decisione di stabilizzare o addirittura raddoppiare qualunque insediamento abitativo in un’area abusiva, inquinata e priva di requisiti di sicurezza ed abitabilità». A stretto giro di posta è arrivata la replica del vicesindaco di Roma Sveva Belviso: «Ancora una volta Lupi non perde occasione per attaccare la nostra Amministrazione, che da 3 anni lavora per dare un nuovo volto alla gestione dei campi nomadi presenti sul territorio. Vorrei fargli notare che episodi come questo incendio sono dovuti proprio alla natura non regolare del campo e, dunque, alla sua mancanza di controllo. Una prova di ciò, consiste nel fatto che atti di questo tipo non accadono nei campi attrezzati, grazie anche al lavoro dei presidi di vigilanza impegnati nel monitoraggio di ciò che avviene al loro interno».

Tante, nel frattempo, le domande ancora insolute: è vero che nel villaggio verranno rom provenienti da altri campi? È vero che andrebbero a convivere rom di etnia diversa? E che parte degli attuali verrebbero spostati in un altro sito? È vero che ci sono case di 32 mq dove dovrebbero essere alloggiati nuclei di 6 persone, e case di 24mq, destinate a nuclei di 4 unità? Quali gli standard abitativi minimi?

 Marco Montini