Casciotti: «Maggi e Marconi non rappresentano lo scudo crociato»

0
134

Ad una settimana dalla revoca delle deleghe a Marconi, il coordinatore comunale Udc, Stefano Casciotti, interviene sulla questione con una nota che chiarisce la linea del partito. «L’Udc in queste ultime settimane si è trovata ad affrontare, insieme alla maggioranza, scelte complesse e delicate che abbiamo superato con grande senso di responsabilità. All’interno di questo scenario – riflette Casciotti – sono risultate inaccettabili ed incomprensibili le parole dell’ex assessore Marconi che in Consiglio comunale, dopo aver avuto modo di discuterne in maggioranza, ha ritenuto di contraddire una posizione comune stabilita e concordata in precedenza circa la ricapitalizzazione di Albafor e questa scelta – sia chiaro – non è stata dettata come si vuol far credere dal suo senso di responsabilità, ma solo ed esclusivamente da esigenze di visibilità personale». Secondo Casciotti l’uscita di Marconi è risultata «estemporanea e fuori luogo perché ha messo in difficoltà l’amministrazione, la maggioranza e, soprattutto, l’Udc in cui la condivisione è uno dei principi fondanti del partito». Casciotti commenta anche i manifesti comparsi in città a firma “il ribelle dell’Udc”:

«Sono gli ultimi di una lunga serie da cui il partito si è sempre dissociato. Questi signori non sono mai stati autorizzati ad usare il simbolo dello scudo crociato e sono stati denunciati agli organi provinciali e regionali dell’Udc per l’uso improprio che ne fanno. Resta comunque curioso e bizzarro il contenuto dell’ultimo, il quale dimostra come l’ex assessore al bilancio e il consigliere Maggi non riescano nemmeno a concordare una linea comune prima di fare queste uscite, esattamente quella non condivisione che ha portato al ritiro delle deleghe a Marconi». Casciotti è più chiaro: «Se la delibera Albafor è illegittima così come si sostiene nel manifesto, perché Maggi membro de “il ribelle” l’ha votata in Consiglio?». E ancora: «Se la delibera fosse stata davvero illegittima perché Marconi non si è dimesso subito?  Come mai invece è arrivato ad implorare di non essere rimosso durante l’ultimo vertice di maggioranza?. Consiglio loro di dismettere i panni delle vittime sacrificali e li esorto a dare risposta di queste palesi incoerenze nel prossimo manifesto. Senza lo scudo crociato però. Perché non ne hanno il diritto ed in nessun modo – conclude Casciotti – lo rappresentano». 

È SUCCESSO OGGI...

Roma, carabinieri a caccia di “topi d’appartamento”

Proseguono con profitto i servizi rinforzati dei Carabinieri di Roma finalizzati a prevenire, e laddove necessario, reprimere eventuali fenomeni di illegalità diffusa. I militari, soprattutto nelle ore notturne, stanno attentamente vigilando anche sulle abitazioni dei...

Campidoglio, ok dalla Giunta al Piano Cimiteri 2017-2021

Un programma d’investimenti serio per valorizzare il patrimonio storico-artistico, monumentale e ambientale dei cimiteri capitolini, attraverso progetti e interventi di manutenzione straordinaria e di riqualificazione a breve, medio e lungo termine, con l’obiettivo di...

Welfare, Regione Lazio: 162 mln per nuova programmazione servizi

La Giunta Zingaretti ha approvato la delibera annuale di programmazione degli stanziamenti per il sistema regionale dei servizi sociali. Ammontano a 162,3 milioni le risorse complessivamente assegnate ai distretti socio-sanitari del Lazio per l'attuazione...

Miss Italia: le finali regionali agli Altipiani di Arcinazzo

La lunga maratona estiva della bellezza porta stavolta la carovana itinerante di Miss Italia sugli Altipiani di Arcinazzo, nell’alta valle del fiume Aniene, ai piedi dei monti Simbruini. Proprio dove termina la provincia di...

Controlli di Ferragosto, salgono a 133 gli arresti dei carabinieri

Il Ferragosto è passato e i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma stilano un primo bilancio dell’imponente dispositivo di controllo del territorio predisposto per il particolare periodo festivo. Sono stati, infatti, 133 gli arresti eseguiti...