Nasce il comitato pro discarica: è polemica

0
23

La notte tra martedì e mercoledì scorsi, tutta la zona a Est di Roma, Corcolle, Tivoli, Castel Madama, è stata ricoperta da centinaia di manifesti abusivi che inneggiano al governatore del Lazio e al commissario straordinario ai rifiuti e li invitano a proseguire nella loro strategia che risolve il problema con le nuove discariche di Riano e San Vittorino-Corcolle. La firma è di un fantomatico Comitato civico per la salute pubblica. Una provocazione nei confronti del comitato contrario alla discarica di San Vittorino-Corcolle che in modo civile e pubblico continua ad esporre le ragioni per le quali una discarica non può essere installata a poca distanza dalla Villa Adriana, da Ponte Lupo, dalle abitazioni, dalle aziende agricole biologiche, da due corsi d’acqua che condizionano la zona a rischio esondazione R4, sull’acquedotto Marcio e sopra i resti della città arcaica di Querquetula.  

«E’ ormai evidente come l’opinione pubblica nazionale ed internazionale stia inorridendo di fronte all’offesa che si arrecherebbe alla Villa Adriana patrimonio dell’Umanità – si legge in un comunicato di Legambiente Tivoli –  per questo, contro la ragione, si ricorre a mezzi poco edificanti per chi li adotta. Il Comitato di Corcolle, di cui Legambiente Tivoli fa parte, sulla vicenda “No alla discarica” ci mette la faccia ed i suoi componenti sono conosciuti per nome e cognome, la loro credibilità sulla vicenda innegabile e documentata. Lo facciano anche i firmatari del manifesto abusivo apparso la passata notte con i quali siamo disposti al confronto pubblico. E magari lo facciano le istituzioni regionali che rifiutano ogni confronto sul merito con noi. Non raccogliamo le provocazioni ed invitiamo a non raccoglierle, siamo nel giusto e nella legalità, la prima delle nostre  risposte è la manifestazione sportiva di sabato 19 e domenica 20 novembre con partenza dal sito dove dovrebbero arrivare miglia di tonnellate di rifiuti. Partecipi anche il fantomatico Comitato civico per la salute pubblica, fare sport all’aria pura fa bene alla salute di tutti».