Ancora occupazioni. E’ la volta del Caro

0
26

Ieri nel corso della mattinata i ragazzi del Liceo Lucrezio Caro nella zona del Villaggio Olimpico a due passi dall'Auditorium hanno occupato l’istituto. «Abbiamo occupato perché siamo coscienti di quello che succede sopra le nostre teste e anche con questo nuovo Governo i nostri diritti di studenti sono messi in discussione, siamo stufi dei tagli all’istruzione, siamo contro questa politica di austerity», affermano gli occupanti. Tutto è successo intorno alle ore 10:30 poco prima dell’intervallo quando alcuni studenti hanno srotolato dalla finestra del terzo piano uno striscione con scritto “Occupatio necesse est” ed entrando in tutte le classi hanno convocato un’assemblea straordinaria in cortile in cui hanno dichiarato di voler occupare la scuola.

Dopo un’iniziale opposizione da parte di docenti e Dirigente Scolastico, è stata presentata a quest’ultimo una lista di circa 700 firme di studenti favorevoli all’occupazione e in più è stata fatta esprimere la propria preferenza a tutti i presenti in cortile con esito positivo all’occupazione. Gli studenti si sono impegnati di non fare danni, di tenere pulita la scuola tramite dei turni di pulizia e di avere un servizio d’ordine funzionante, in più Dirigente Scolastico e studenti hanno trovato l’accordo sul tenere aperta la parte amministrativa dell’istituto. Gli studenti prevedono che l’occupazione durerà almeno fino a venerdì, per la settimana sono previsti corsi e incontri principalmente sul tema della crisi e dei beni comuni. Nel frattempo continuano le occupazioni dei licei Malpighi, Ripetta, Visconti. Altre scuole romane ieri, pur non avendo occupato, si sono comunque mobilitate sui temi della scuola in generale, contro la decisione del Comune e della Questura di vietare il corteo promosso dal collettivo Senza Tregua da Piramide al Ministero dell'Istruzione e contro i tagli all’edilizia scolastica. Una mobilitazione anche in vista dell’anniversario della morte di uno studente piemontese deceduto a scuola a causa del crollo di un soffitto.