Il nuovo Mercato delude la piazza

0
42

Il nuovo Mercato di Casetta Mattei è stato realizzato per dare una sistemazione migliore ai numerosi commercianti che prima si trovavano nel vecchio mercato in via della Contea. Quest’ultimo è stato smantellato poiché a causa dei banchi, messi in mezzo alla strada, e delle macchine parcheggiate restringeva l’incrocio con la via principale causando forti disagi al traffico locale. Una situazione che sfavoriva anche i commercianti perché la clientela trovava sempre difficoltà a parcheggiare rischiando una multa per sosta in doppia fila. Il nuovo mercato, nato per risolvere questi problemi, non ha però soddisfatto né le esigenze della clientela né dei commercianti, afferma la signora Maria, proprietaria di un negozio di abbigliamento: «Da quando ci siamo spostati nel nuovo mercato siamo passati da undici a sei banchi. A causa del calo della clientela molti di noi hanno dovuto chiudere».

«Il problema maggiore è l’assenza di parcheggi interni che scoraggia il cliente a venire e costringe noi commercianti a parcheggiare i camion in mezzo alla strada rischiando anche di essere derubati. – spiega la signora Anna, proprietaria di un banco di frutta –  È chiaro che senza parcheggi non cambia nulla rispetto a prima». Inoltre anche la location scelta non dà molta visibilità al nuovo mercato. Risulta quindi difficile per chi transita in via Casetta Mattei individuarlo. Il presidente della Commissione Mobilità e Trasporti del Municipio XV Gaetano Cellamare ha spiegato che le difficoltà per la realizzazione del parcheggio sono legate al fatto che il terreno circostante il nuovo mercato è privato e in più sottoposto a vincoli poiché facente parte della Valle dei Casali. «La Commissione Traffico del XV – afferma il presidente – ha chiesto all’Atac di spostare la fermata di fronte per poter ricavare alcuni parcheggi a orario, riservati esclusivamente ai clienti, con la vigilanza continua della Polizia Municipale. Per ora l’azienda del trasporto pubblico di Roma ancora non ha risposto».

Ivan Selloni