Rimandata la riqualificazione, Mastrantonio: «Ci tolgono il verde»

0
35

Rinviato l'avvio dei lavori di riqualificazione del parco di Tor Sapienza previsto per giovedì 1° dicembre. Avrà invece luogo sempre lo stesso giorno alle ore 17.00, di fronte al civico 109 in via di Tor Sapienza, un'assemblea pubblica con i cittadini del quartiere per discutere sul progetto di riqualificazione insieme alle associazioni promotrici e al Municipio. «E’ a rischio il parco pubblico di Tor Sapienza per il quale è stato organizzato l'inizio dei lavori con l'impianto degli alberi insieme ai bambini della scuola del quartiere il 1° dicembre 2011».

A lanciare l'allarme il presidente del Municipio VII Roberto Mastrantonio. «A seguito di un progetto partecipato con i cittadini del quartiere e dell'ottenimento di un parere favorevole dell'Ufficio Giardini (agosto 2010) – spiega il minisindaco – è stato redatto un progetto esecutivo, sempre partecipato, è stata indetta la gara d'appalto e sono state consegnate le opere all'impresa vincitrice dell'appalto il 14 ottobre 2011. Solo il 24 novembre – denuncia Mastrantonio – l'Ufficio giardini ha comunicato l'indisponibilità delle aree (le stesse a cui aveva dato parere favorevole) perché assegnate al punto verde qualità 7,09 Tor Sapienza (maggio 2011). Da tutto ciò si deduce che i cittadini di Tor Sapienza sono stati privati dell'unico parco pubblico che avevano – attacca Mastrantonio – l'estensione dell'area del punto verde qualità è aumentata a dismisura, per adeguare gli standard necessari alle opere in corso del pvq, comprendendo nelle aree affidate anche la passerella pedonale dedicata a Ilaria Alpi e il parco "Barone rampante", senza le quali lo stesso pvq non si sarebbe potuto realizzare. Il comune di Roma dunque – conclude Mastrantonio – favorendo un privato anche se concessionario priva i cittadini di due aree pubbliche già attrezzate a verde, una tensostruttura con destinazione sportiva, forse un impianto sportivo di proprietà comunale e un centro anziani anch’esso di proprietà comunale».