Ostia, sgomberata scuola occupata da 10 famiglie

0
27

Era stata occupata due settimane fa da 10 nuclei familiari con 20 minori presenti, la scuola “Do-re-mi diverto” di via Cozza ad Ostia e sgomberata questa mattina dagli agenti del Commissariato di Ostia e dalla Polizia locale di Roma Capitale XIII Gruppo.

L’operazione ha visto l’intervento di mezzi blindati del reparto mobile, agenti e mezzi. "Due poliziotti in borghese – racconta Miliana Ristic portavoce delle famiglie – sono entrati alle sei e poco dopo la scuola era invasa dagli agenti che ci hanno costretto a uscire ancora in pigiama. Abbiamo vestito i bambini per strada. Il più piccolo di quattro mesi era appena uscito dall'ospedale. Inoltre non abbiamo potuto avvertire nessuno, ci hanno costretto a spegnere tutti i telefoni".

Dopo lo sgombero, una parte delle famiglie sgomberate, 20 adulti e cinque bambini, si sono fermati per strada, bloccando il passaggio delle macchine. Il tratto di via Cozza antistante la scuola é stato isolato da due cordoni di Polizia. Chiusa al traffico via Visconti. Tre mezzi del reparto mobile presidiano l'area di piazza della Stazione Vecchia, sede del Municipio XIII.

"L'amministrazione – continua Ristic – ha proposto a donne e bambini di andare in una casa famiglia, ma noi vogliamo restare uniti. Chiediamo alloggi nei residence o nelle case popolari e non ce ne andremo di qui fino a quando non ce li daranno". Intanto le famiglie stanno effettuando un sit in in via Cozza, dove è stata montata una tenda.

"E’ sconcertante che si arrivi a tentare il ricatto nei confronti dell’amministrazione sulla pelle dei propri bambini – ha detto Giorgio Ciardi, delegato del Sindaco alla sicurezza- lo sgombero avvenuto questa mattina alla scuola di via Cozza ad Ostia, momentaneamente chiusa per lavori e da riconsegnare al più presto alla comunità cittadina, è stato determinato dall’occupazione illegale da parte di alcuni gruppi di etnia rom senza fissa dimora. Alla puntuale offerta da parte dell’amministrazione di trovare un ricovero alternativo presso case famiglia pronte ad ospitarli immediatamente, è stato opposto un netto rifiuto da parte degli occupanti, che hanno invaso anche la sede stradale creando disagi alla circolazione e ai cittadini. Lo sgombero è stato anche un atto dovuto – continua Ciardi – date le pessime condizioni strutturali dell’edificio, che sarà per questo abbattuto e ricostruito, a tutela quindi della stessa incolumità degli occupanti e dei minori. Ringraziamo ancora una volta gli agenti di PS – conclude – questa mattina particolarmente impegnati sul territorio del XIII Municipio per l’operazione anticrimine “Alto impatto” coordinata dal Questore Tagliente, e il XIII Gruppo della Polizia Roma Capitale, per la professionalità e sensibilità con le quali hanno operato".