Piazza Testaccio, «Decidano i cittadini»

0
43

A breve il trasferimento dello storico mercato e diversi sono i progetti in campo per la riqualificazione di piazza Testaccio. L’aspetto che caratterizza il progetto realizzato dal Municipio I, è la riconquista dello spazio aperto, la sostituzione di un pieno (il mercato) con un vuoto. Un luogo libero da percorsi obbligati e da recinti, uno spazio capace di ospitare diverse funzioni e di essere usato da tutti. La fontana non più al centro della piazza ma spostata verso via Aldo Manuzio per dare il senso della continuità con il mercato che a breve sarà trasferito in quella direzione. Una sperimentazione pedonale non invasiva sempre dalla parte di via Aldo Manuzio e via Bodoni.

«Abbiamo consultato i cittadini, gli anziani del rione e persino i bambini e abbiamo capito che la fontana delle anfore era nell'immaginario di tutti. – racconta Emiliano Pittueo, assessore all'Urbanistica e alla Partecipazione del Municipio Roma Centro Storico, presentando ieri l'elaborazione del Municipio presso i locali dell'Alicetango. – Gli anziani ne hanno infatti tramandato il ricordo. Le idee ci sono arrivate dalle persone che hanno che hanno scritto poesie e fatto disegni per dire come volevano la piazza». «Il nostro progetto è frutto di un lungo e serio lavoro  – racconta il minisindaco Corsetti – Il percorso di partecipazione avviato con la cittadinanza – continua Corsetti – di numerosi incontri con i cittadini possibile grazie all'apertura di uno sportello pubblico dove erano sempre presenti rappresentanti municipali e volontari».

All'elaborazione ha partecipato l'Università La Sapienza, architetti e tecnici come Ester Pallone e Paolo Pineschi. Ce ne sono altri due uno del Comune e un altro realizzato dalle associazioni di cittadini come scegliere? la proposta del Presidente del Municipio Corsetti è quella di indire un referendum nel rione: «La porosa sia data ai cittadini».  

Fra. D’Am.