SIGMA-TAU : Cigs sospesa fino al 13 gennaio e azienda disposta a “discutere”

0
124

 

Se non è stato un trionfo, poco ci mancava, visto che il risultato raggiunto giovedì sera dai sindacati territoriali, dalle Rsu aziendali e dai rappresentanti dei lavoratori della Sigma-Tau di Pomezia durante il tavolo di concertazione tenutosi al dipartimento dello Sviluppo Economico era il massimo ottenibile: la sospensione, almeno fino al 13 gennaio, dell’avvio della cassaintegrazione a zero ore per 569 dipendenti dello stabilimento di via Pontina. L’in-contro, che si è svolto davanti al funzionario Castani, delegato dal ministro Corrado Passera a condurre le trattative alla presenza dei membri del consiglio di amministrazione della società farmaceutica, dell’assessore regionale al Lavoro Mariella Zezza, del sindaco di Pomezia Enrico De Fusco e, ovviamente, dei rappresentanti delle Rsu Aziendali e di tutte le sigle sindacali territoriali, è stato interminabile: più di cinque ore di trattative, seguite da un’ora di rivisitazione e firme degli accordi presi. Enorme soddisfazione è stata espressa dall’assessore al Lavoro della Regione Lazio Mariella Zezza. «Il tavolo, da parte nostra e dei lavoratori, aveva lo scopo di bloccare la cassaintegrazione che altrimenti sarebbe partita il 27 dicembre. Era quello che speravamo e, con tenacia, l’abbiamo ottenuto. Si tratta di un successo frutto di un lavoro ben concertato: siamo andati all’incontro con delle idee chiare in testa e siamo usciti dal ministero con un verbale di riunione che riportava esattamente quello che volevamo». L’assessore ha spiegato l’importanza che ha rivestito la trattativa che ha portato all’impegno, da parte della Sigma-Tau, di “rivedere le misure, i tempi, le dimensioni e gli strumenti per gestire le problematiche attuali”, assicurando uguale impegno per produzione e ricerca. «Di questo si parlerà nei particolari il 22 dicembre –ha aggiunto la Zezza – data in cui è stato fissato l’incontro in Regione. Cercheremo di trovare la soluzione migliore e di ottenere un risultato soddisfacente per le parti, ma soprattutto per i lavoratori». Si aspettava un incontro così lungo? «Sinceramente no. Dopo quello del 6 dicembre in Regione pensavo che questa volta sarebbero bastate un paio d’ore, invece il confronto si è svolto a oltranza. La trattativa, oltre che intensa, è stata molto costruttiva, anche perché tutte le parti coinvolte si sono disposte con uno spirito differente rispetto a come si erano presentati nel mio ufficio. Possiamo considerare il 6 dicembre come l’anno zero, l’inizio di un percorso che ha portato le parti a rinunciare a mostrare i muscoli e mostrare le pistole, riponendo invece fiducia nelle istituzioni preposte». A proposito di istituzioni, la Zezza riconosce che di grande aiuto è stata la collaborazione fattiva tra i vari organi di governo. «A parte i sindacati e i lavoratori, che sono stati eccezionali, devo ringraziare i rappresentanti politici del territorio, dal consigliere Foschi al ministro Passera e al Direttore Generale Bianchi, passando per il sindaco De Fusco. Il primo cittadino di Pomezia ha deciso, visto il suo passato alla Sigma-Tau, di mettersi dalla parte dei sindacalisti, e come tale si è battuto». Come pensa che andrà nei prossimi incontri?«Sono molto fiduciosa: finora ha funzionato il distretto delle istituzioni, che hanno dimostrato di saper funzionare bene quando perseguono un fine unico. Vorrei mandare un pensiero ai lavora-tori: uscendo dal palazzo di via Veneto mi sono sentita più leggera e, idealmente, mi sono identificata nelle 569famiglie, per le quali per fortuna il 27dicembre è diventata una data come le altre. Adesso attendo il 22 dicembre, quando gli imprenditori dovranno darci delle risposte concrete; per il momento si sono impegnati a non fare atti unilaterali, ma ora vogliamo uno sforzo in più». «E’ stata una vittoria per i lavoratori – ha dichiarato il sindaco De Fusco dopo l’incontro – che hanno presidiato il ministero per tutta la durata dell’incontro per far sentire la loro voce. Ciò non significa che tutto si sia risolto, ma sicuramente un passo in avanti è stato fatto, anche se bisogna continuare a tenere alta l’attenzione».E, proprio per tenere l’attenzione su di loro, questa mattina i lavoratori sfileranno per le strade di Pomezia in un corteo che partirà dallo stabilimento della Sigma-Tau per arrivare in piazza Indipendenza. «Siamo molto soddisfatti per l’esito dell’incontro avvenuto al ministero dello Sviluppo Economico – hanno rimarcato le Rsu aziendali -. L’impegno dei lavoratori, della Rsu, dei sindacati territoriali e nazionali con il pieno sostegno delle istituzioni ha dato i suoi primi frutti: l’azienda ha accettato di discutere delle strategie di gruppo e, in questo ambito, ha formalmente di-chiarato la volontà di mantenere la filiera produttiva del sito di Pomezia. Anche in merito alla spinosa questione della disdetta unilaterale di tutti gli accordi sindacali aziendali che la Sigma-Tau aveva dichiarato di voler rendere operativa dal 1 gennaio 2012, l’azienda ha dovuto fare un passo indietro e fino a che non ne verranno stipulati di nuovi, resteranno in vigore quelli vigenti».

Maria Corrao