Niente più fotovoltaico. Via dello Scalo nel buio

0
16

Nel 2008, quando l’impianto è stato inaugurato, sembrava fosse un privilegio esclusivo e all’avanguardia sul territorio. Le lampade fotovoltaiche svettavano sulla rampa della scuola, erogando una candida e intensa luce che illuminava a giorno il buio della zona antistante la scuola di Settebagni. È durato poco questo bagliore. Il tempo di renderlo noto ai passanti dell’oscura via dello Scalo (stradina che costeggia la ferrovia) e agli utenti della scuola che frequentano anche i corsi di sport serali. Poco dopo il buio totale, l’impianto non ha più funzionato. Così si è spenta quella luce che doveva rappresentare una conquista postmoderna.

La giunta municipale dell’allora presidente Cardente, precorrendo i tempi, aveva promosso questa politica, favorendone l’installazione nella scuola del territorio e scatenando le ire (per l’elevata spesa sostenuta) dell’attuale giunta del presidente Bonelli. Ferme le contestazioni e la delusione degli utenti della scuola e dei residenti dei pressi, che si trovano a percorrere al buio totale una strada che prima era male illuminata e ora non lo è per nulla, da almeno due anni a questa parte. «Quando accompagno mio figlio al corso di sport che si tiene nei locali della scuola, mi devo avventurare sulla rampa dell’edificio al buio totale. Perché nessuno provvede a ripristinare la funzionalità delle lampade?» dichiara la sig.ra Stefania, residente in Settebagni.

«Nel pomeriggio spesso abbiamo i consigli di classe e quando usciamo ci troviamo a percorrere una strada buia, isolata e pericolosa. Così non si può andare avanti. Chiediamo l’intervento urgente dei servizi preposti a risolvere il problema», commenta una professoressa della scuola. «Se non ci fossero i lampioncini tradizionali passerei la notte completamente isolata e in una condizione di rischio, in caso di intromissione improvvisa di malintenzionati. Sono state inviate richieste al Comune per la manutenzione dell’impianto, ma fino ad oggi non s’è visto nessuno», sostiene la custode della scuola. E’ Natale e, come annunciato da Zingaretti, le scuole dovrebbero avere un impianto fotovoltaico. Settebagni lo aveva. Perchè non si interviene a ripristinarlo?