Pd: Peduto rilancia, Mastrosanti frena

0
22

Qualcosa si muove all’interno del Pd frascatano, ma in senso diametralmente opposto a quanto sembrava quasi assodato fino a pochi giorni fa. Gianluigi Peduto, contrariamente a quanto voce di popolo dava per assodato, smentisce ogni ipotesi di avvicinamento ad altre forze politiche che non siano quelle che fanno capo a via dell’Asilo e nel contempo giura fedeltà al sindaco Stefano Di Tommaso (che qualche frecciata nel frattempo gliel’aveva mandata), al collega di corrente Romualdo Paoletti e al “capo corrente” Carlo Umberto Ponzo.

Per uno che si dava per certo partente, un altro che invece era considerato ormai uno della famiglia e che invece – ancora senza tessera – per il momento ne resta fuori. Che Roberto Mastrosanti abbia nel recente passato dichiarato nelle strette stanze della maggioranza di voler entrare nel Partito Democratico è di comune dominio, ma sembra che ora qualche piccola frizione tra le parti (e beninteso sia il fatto che nel Pd non tutti siano disposti ad accogliere l’assessore a braccia aperte) abbia raffreddato gli entusiasmi. A Mastrosanti serve un grande partito che ne supporti una possibile candidatura a sindaco ed al Pd (o almeno ad una parte della vasta platea democratica) serve un uomo da proporre in alternativa ai vari Posa, Peduto e compagnia bella. Un matrimonio che alla fine si dovrebbe fare, ma che non stupirebbe davvero se dopo tanto parlare non ne uscisse solo un grosso buco nell’acqua. Al 2014, d’altra parte, mancano ancora più di due anni.

Marco Caroni