Consiglio Comunale di Palombara Sabina: il Pd si rivolge al Prefetto

0
18

A distanza di ben quattro mesi dall’istanza protocollata dai Consiglieri di minoranza Pd-ApI, l’amministrazione non ha ancora convocato il Consiglio Comunale richiesto per sollecitare una soluzione sul tema della situazione economica, dei tributi locali (Tia, acquedotto e ICI aree Fabbricabili) e dello sviluppo (Piano Regolatore e urbanistica). La denuncia è del segretario Pd di Palombara Sabina, Umberto Desideri.

“In barba a tutte le normative statutarie e regolamentari – ha spiegato Desideri – il Sindaco Della Rocca, sempre più isolato e senza maggioranza, si barrica dentro il palazzo e gestisce l’ordinario lasciando il Paese alla deriva. La riprova è che il 22 dicembre è stato convocato il Consiglio Comunale, chiaramente senza le nostre richieste, ma puntualmente la seduta è andata deserta a causa dell’assenza dei Consiglieri di maggioranza. L’ennesima occasione persa per poter affrontare almeno uno dei problemi. Eravamo, infatti, riusciti a far portare in discussione una nostra mozione sulla TIA, con la quale sarebbe stato possibile attenuare il prelievo tributario locale in maniera più equa, proteggendo quelle categorie  di cittadini più disagiate, ma, evidentemente, delle famiglie che non arrivano a fine mese a questo Sindaco non interessa molto”.

“Aspetteremo fino al 10 di Gennaio – ha concluso Desideri – dopodiché ci rivolgeremo al Prefetto affinché ristabilisca quantomeno  la democrazia nel nostro paese. Non possiamo più permettere che i cittadini paghino il prezzo dell’immobilismo amministrativo, causato solo da problemi interni fra il Sindaco e la sua Giunta. Palombara è piena di problemi, non si può aspettare ancora per affrontarli”.