Omicidio Torpignattara, prosegue la caccia ai killer

0
19

Continuano senza sosta i controlli dei Carabinieri per monitorare i siti sensibili della Capitale, alla luce dei recenti fatti di cronaca. Nella giornata di ieri sono stati eseguiti controlli al Quadraro e Laurentino 38. Questa mattina all’alba è scattato un blitz al Pigneto, in particolare presso uno stabile di via Campobasso, a poco più di cinquecento metri, in linea d’aria, dal luogo dove è stata trovata la borsa rapinata dagli assassini del papà e della bambina cinesi.

Al Quadraro, ieri, i Carabinieri della Compagnia Roma Casilina e delle Compagnie di Intervento Operativo hanno battuto al setaccio numerose abitazioni e accampamenti di fortuna dove trovano dimora cittadini nordafricani con precedenti. Centoquindici le persone e 66 i mezzi controllati. Quattro le persone arrestate per ricettazione, furto e rapina impropria. Nell’ambito del servizio straordinario di controllo del territorio svolto, sempre ieri, nel quartiere “Laurentino 38”, i Carabinieri della Compagnia Roma Eur, coadiuvati da personale delle Compagnie di Intervento Operativo, hanno complessivamente identificato 106 persone, controllate 25 persone sottoposte al regime degli arresti domiciliari e controllate 84 auto, elevate 25 contravvenzioni al codice della strada nonché sequestrati 3 veicoli. Nel corso dello stesso controllo sono stati denunciati in stato di libertà: per invasione di edifici, due cittadini marocchini che avevano occupato uno stabile in disuso via Giuseppe Lipparini; per guida senza patente un romano, con precedenti, sorpreso alla guida di una moto; per omessa denuncia di variazione del luogo di detenzione delle armi un romano di 46 anni; per inottemperanza al decreto di espulsione un cittadino senegalese.

Nel corso dello straordinario servizio di controllo del territorio nel quartiere Pigneto, in particolare in via Campobasso 16, presso uno stabile di proprietà privata, occupato abusivamente dal 2000, sono state identificate 20 persone di cui 10 con precedenti penali, prevalentemente senegalesi. E' stato rinvenuto un ingente quantitativo di materiale griffato contraffatto (pelletteria, abbigliamento, occhiali da sole, borse), per il quale sono state denunciate tre persone. Altre 4 saranno denunciate poiché clandestine sul territorio nazionale. Nell'ambito dello stesso servizio, in via Macerata, è stato arrestato un altro cittadino africano per detenzione di sostanza stupefacente e poco distante in mattinata altri 3 pusher. Tra il materiale con griffe false sono state anche rinvenute 1000 etichette metalliche riproducenti note marche. I Carabinieri hanno portato in caserma i fermati. Alcuni di loro, privi di documenti, saranno sottoposti a foto segnalamento per accertarne l’identità e riscontrare se trattasi di persone destinatarie di provvedimenti. Intanto, nelle ultime 24 ore, sono stati complessivamente 21 gli arresti computi dai Carabinieri del Comando Provinciale di Roma nel corso dell’attività di controllo del territorio che ha interessato in particolare gran parte dei quartieri romani, con particolare attenzione per quelli periferici.