Allarme, due rapine in poche ore

0
20

Due rapine in poche ore a Roma. Una ha provocato tanta paura, ma nessun ferito, l'altra è finita con un gambizzato. La criminalità si diffonde su tutta la capitale, dal centro alla periferia.

In una gioielleria di via Vittoria, una traversa di via del Corso, tre malviventi a volto coperto e armati di pistola, sono entrati nel negozio intorno alle 12 e ne sono usciti  dopo 10 minuti con un bottino da circa 500mila euro. «Erano ben vestiti. Uno è rimasto fuori. Hanno ammanettato entrambe le commesse», hanno raccontato alcuni negozianti mentre il commerciante di scarpe di fronte ha fornito altri particolari. «Ho visto un'auto bianca in sosta davanti alla gioielleria, sembrava in taxi – ha dichiarato –  Non pensavo a una rapina. Mi domando come sia arrivata qui l'auto visto che é isola pedonale. Sarà tema riflessione per le indagini. Non ho sentito urlare né antifurti suonare». La titolare della gioielleria è sicura che la rapina fosse stata ben pianificata, da ladri esperti. «Conoscevano tutto del negozio. – ha affermato –  Loro due non li ho mai visti ma magari qualche complice è venuto nei giorni scorsi – ha aggiunto – noi eravamo in due. Sono entrati come clienti, poi ci hanno ammanettato e lasciato dietro al banco. Poi ho dovuto aprire la cassaforte. Urlavano: "state calme e non vi succederà nulla" puntandomi la pistola all'altezza del petto. Prima di andar via hanno portato via il filmato delle telecamere. La rapina è durata pochi minuti, ma mi sono sembrati un'eternità». Poi, sollecitata a fornire un identikit dei rapinatori la derubata ha fornito alcune informazioni utili per il lavoro che di indagine degli uomini della squadra mobile. «Erano due bei ragazzi stranieri, penso dell'Est Europa – Parlavano bene l'inglese, ma tra di loro comunicavano in un'altra lingua».

A Casal De' Pazzi, invece, è stato preso di mira un supermercato. Due malviventi armati di pistola sono entrati all'interno del supermercato poco prima dell'orario di chiusura, mentre il colmpice li attendeva in auto. Il direttore avrebbe però reagito e i rapinatori hanno sparato colpendolo al ginocchio. L'uomo è stato trasportato all'ospedale Petrini.