Sigma Tau, scende in campo il ministero

0
33

Si è svolto ieri mattina il secondo incontro in commissione Lavoro Pubblico e Privato della Camera dei Deputati presieduta dall’onorevole Moffa sulla vertenza Sigma-tau. All’incontro erano presenti le Rsu Cgil, Cisl, Uil e Confail; l’ad dell’azienda Montevecchi accompagnato dall’intero cda; Castano, dirigente del Ministero dello Sviluppo Economico incaricato di seguire le vertenze aziendali; i deputati Walter Veltroni, Giovanni Bachelet, Renzo Carella, Enrico Gasbarra, Marianna Madia, Fausto Recchia, Antonio Rugghia, Teresa Bellanova; il senatore Candido De Angelis, il sindaco di Pomezia Enrico De Fusco, il consigliere comunale Luigi Celori. Assenti invece i responsabili della Regione Lazio.

Le parti hanno esposto le loro ragioni e aggiornato lo stato delle trattative. Castano ha confermato l’attenzione del Ministero sulla vicenda dichiarando l’impegno dello stesso in due direzioni: un tavolo permanente sulla vertenza Sigma- tau, che sia di monitoraggio costante in particolar modo sul piano aziendale; un tavolo che il ministro Corrado Passera sta predisponendo in accordo con il Ministero della Salute e quello della Ricerca, sul settore farmaceutico, che possa rintracciare gli strumenti utili allo sviluppo della ricerca in Italia. Unanime la preoccupazione espressa da parte dei parlamentari sulle ricadute sociali della ristrutturazione aziendale, così come il riconoscimento del forte senso di responsabilità da parte delle Rsu e dei lavoratori stessi sulla disponibilità al dialogo e al confronto. Disponibili a farsi carico della mediazione con il Governo, i deputati, così come il presidente di Commissione Moffa, hanno espresso al volontà di mantenere aperto il tavolo in Commissione Lavoro per verificare il procedere della trattativa, tentare di ridurre le distanze tra le parti e garantire il mantenimento e lo sviluppo del settore farmaceutico di Pomezia, eccellenza del territorio laziale.

«Un passo importante – ha dichiarato il sindaco di Pomezia Enrico De Fusco – perché la vertenza Sigma-Tau è approdata in Parlamento mettendo in moto un interesse concreto sulla vicenda, sul nostro territorio e sul rischio che stiamo correndo, in particolar modo con i tavoli aperti a livello ministeriale e parlamentare che fanno da controllo e garanzia delle trattative allo stato attuale e del futuro dell’azienda e del settore farmaceutico del territorio. Importante il sostegno e l’appoggio di molti parlamentari che riconoscono nella Sigma- tau un’eccellenza per l’intero Paese, preoccupante invece l’assenza della Regione Lazio». «Stigmatizziamo la durezza e l’unilateralità delle decisioni prese dall’azienda che rischiano di avere conseguenze socialmente gravi – afferma il deputato Renzo Carella (Pd) – perché non prendono affatto in considerazione situazioni molto delicate come i nuclei familiari o la presenza di congiunti disabili all’interno della famiglia e non utilizzano nessun tipo di criterio o come chiedono le organizzazioni sindacali, la turnazione. Noi parlamentari ci impegneremo perché, come abbiamo già rappresentato al ministro Passera nella Question time, la Sigma Tau è interamente italiana e dobbiamo impegnarci affinché questo settore non solo superi le difficoltà ma diventi in un futuro prossimo da traino con nuove produzioni, innovative e altamente competitive».