Grassi al collasso: deciso sit in

0
18

Sanità del Municipio XIII sull’orlo del collasso: il Cobas risponde organizzando sit – in di protesta davanti l’ospedale Grassi. Alla fine quindi, dopo richieste di intervento e di chiarimento l’associazione sindacale ha scelto di scendere in piazza e manifestare soprattutto contro la “mala” gestione della sanità sul litorale.

Si legge nella nota ufficiale, siglata appunto Cobas: «La Asl Rm/D, da tempo, ormai si trova in una difficile situazione organizzativo/funzionale e gestionale conseguenza dei vergognosi, reiterati balletti, espressione di giochi ed equilibri di potere», scrivono «dei quali rimane ostaggio e che ha visto in poco più di un anno avvicendarsi commissari, sub – commissari e direttori generali in un valzer di figuranti, per non parlare poi di quella serie di “incomprensibili" ed ingiustificabili avvicendamenti avvenuti per “decisione” della stessa direzione, alla fine di dicembre che confermano l’ormai imperante logica proprietaria e padronale nella gestione della sanità pubblica. Problematiche e criticità – aggiungono – che le varie manovre governative economico/finanziarie stanno determinando, e che si aggiungono alla già grave carenza di personale dovuta anche al blocco del turn-over, e aggravata da una mala gestione delle politiche di utilizzo delle risorse umane e professionali. Ciò, insieme alle politiche legate ai progressivi processi di privatizzazione in atto, stanno determinando il progressivo smantellamento del servizio socio sanitario.

Per tutte queste ragioni – conclude il Cobas – aderisce, invitando tutti i cittadini a partecipare al sit – in di protesta, indetto dalla R.s.u. e dalle associazioni mediche per il giorno 15 febbraio alle ore 11:00 davanti al presidio ospedaliero Grassi».

Francesca Rosati