Aurelia, in manette rapinatore seriale prostitute

0
21

I carabinieri della compagnia Roma Trastevere hanno messo fine alle scorribande di un rapinatore seriale di prostitute, lungo la via Aurelia, ritenuto responsabile di almeno tre colpi e di una tentata violenza sessuale.

Il malvivente è un italiano di 41 anni, con precedenti, che vive a Capalbio, ha il vizio del gioco che in questa occasione gli è stato fatale. I militari, infatti, lo hanno arrestato nella zona di Santa Severa, mentre giocava alle slot machine in un’area di servizio dell’autostrada Roma–Civitavecchia. Le accurate indagini dei carabinieri hanno permesso di raccogliere elementi a suo carico circa la commissione di 3 rapine in danno di prostitute romene nonché di una tentata violenza sessuale, reati tutti perpetrati tra dicembre 2011 e gennaio 2012, con il medesimo “modus operandi”: il 61enne, dopo aver avvicinato le passeggiatrici, tutte di nazionalità romena, era solito farle salire sulla propria autovettura dopo aver contrattato una prestazione sessuale, per poi impossessarsi con violenza della loro borsa, scaraventandole poi fuori dall'abitacolo. In una circostanza, non soddisfatto del bottino, aveva anche tentato di abusare di una delle ragazze.

Le vittime si sono rivolte ai carabinieri, i quali, a seguito di un’incisiva attività d’indagine, sono riusciti a identificare il malvivente e ad ottenere, a suo carico, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere che gli è stata notificata dopo averlo rintracciato nell’area di sosta mentre si dedicava alla sua passione: il gioco.