Tra le dune spunta l’eternit

0
29

Eternit tra le dune di Focene. E scatta l’esposto dei Verdi. Sono ormai trascorsi tre mesi da quando i “soliti ignoti” abbandonarono delle lastre di cemento amianto poco lontano dal chiosco 40° all’ombra con gravi danni per l’ambiente e per la salute dei cittadini. Il materiale lasciato, infatti, risulta spezzato e le polveri che si disperdono nell’ambiente rappresentano un grave rischio per la sicurezza. Anna Catalani, esponente dell’esecutivo regionale dei Verdi, denunciando la mancanza di controlli in una preziosa area protetta inserita nella Riserva naturale statale del Litorale romano, ha presentato ieri un esposto alla guardia forestale corredato da un dossier fotografico. E’ intanto assolutamente necessaria la rimozione di questo pericoloso materiale. «Non è possibile che non vi sia alcun controllo in una zona protetta come quella di Focene, uno degli ultimi siti che testimoniano la morfologia di questo ecosistema», dichiara Anna Catalani. Gli ecologisti intendono chiedere la tabellazione della Riserva, recinti, oltre ad un maggior controllo delle zone. L’area in questione è a protezione integrale 1 inserita nella Riserva naturale statale del litorale romano, secondo il D.M.A. del 29 marzo 1989: è una zona di grande valore che costituisce un unicum tra la macchia alta della Riserva di Macchiagrande e la macchia bassa. Un’area pregiata meta di studiosi da ogni parte del mondo.
 

Maria Grazia Stella