Residui bellici, un conto aperto ancora da pagare

0
84

Bombe a caro prezzo. Nel territorio di Anzio, a circa 70 anni dal termine della seconda guerra mondiale, ancora si paga il prezzo del conflitto, che ha lasciato tracce indelebili nella memoria dei cittadini, ma anche nelle tasche dei contribuenti. Nella zona di Padiglione, dove dovrebbe sorgere la nuova Città artigiana, anche di recente l’Amministrazione comunale ha dovuto deliberare una spesa di oltre 70mila euro per le operazioni di bonifica degli ordigni bellici tornati alla luce.

Un’operazione necessaria considerati i lavori di scavo della zona, anche per garantire la sicurezza dei cittadini, ma di certo alcune cifre hanno lasciato basiti molti cittadini. Nella delibera di spesa si fa riferimento anche ad un transennamento dell’area dove erano presenti gli ordigni e alla presenza di un servizio di vigilanza, attività affidate con “somma urgenza” alla stessa ditta incaricata della bonifica, un’azienda della provincia di Caserta , chissà perché non una società della zona. Il tutto per un totale superiore agli 83mila euro, predisposti immediatamente sempre in virtù della “somma urgenza”.

«Mi sembra davvero un esborso eccessivo- ha riferito Antonio C, ingegnere ambientale-. Con la stessa cifra si poteva bonificare gran parte della città e non solo un quartiere, per non parlare dei soldi che potrebbero essere investiti nei servizi sociali e nel rilancio della città. Non è la prima volta che assistiamo inermi a finanziamenti così repentini e cospicui, basti pensare alla nuova pista ciclabile realizzata al quartiere Zodiaco, per la quale sono stati investiti circa 200mila euro di soldi pubblici, quando con la metà si poteva non solo dare vita alla pista, ma risistemare anche gran parte della zona, dove il degrado regna incontrastato. In un momento cos’ delicato per l’economia locale e nazionale, certi sprechi non sono più tollerabili». Sarebbe da augurarsi che non ci siano più bombe nel sottosuolo, onde evitare altre somme urgenze.

Marcello Bartoli

È SUCCESSO OGGI...

Ladispoli, divieto di uso dell’acqua potabile in due frazioni

L’amministrazione del sindaco Grando informa i cittadini che è stata emessa ordinanza di divieto di consumo per uso alimentare dell’acqua a Monteroni e Marina di San Nicola. Nella frazione di Monteroni l’analisi chimica ha rilevato...

Ciampino, un’estate di fuoco: emergenza incendi boschivi

L'estate 2017 è stata finora la più impegnativa​, ​da​ molti anni a questa parte​,​ nella regione Lazio e nella provincia di Roma per quanto riguarda il fenomeno degli incendi boschivi, tanto da far emanare dalla Prefettura...

In 48 ore arrestati 18 pusher: mezzo chilo di droga e un bottino di...

Nelle ultime 48 ore, mirati blitz antidroga dei carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno portato all’arresto di 18 pusher scoperti in flagranza mentre spacciavano dosi di stupefacente in molte zone della Capitale. Al setaccio...

Canile Villa Andreina incustodito mentre un incendio lambisce le gabbie degli animali

Acilia, domenica ore 13, villa Andreina canile privato convenzionato col Comune di Roma dal mese di giugno 2014, recentemente ha anche ottenuto una proroga. I cani reclusi nella struttura, rigorosamente chiusa al pubblico, sono circa 70 di cui 6 recentemente trasferiti da Muratella oltre...

Lazio-Spal, aggrediti due tifosi ospiti. Un arresto

Dovrà rispondere di rapina aggravata il tifoso biancoceleste che ieri sera, al termine della partita Lazio-Spal, insieme ad altre persone, ha aggredito due tifosi ospiti rei di indossare le sciarpe della Spal. Sono stati gli agenti...