Violentata a turno e venduta come schiava: arrestato un 17enne

0
42

A soli 17 anni era il capo di una banda di albanesi che operava della Capitale e su di lui pendeva un mandato di cattura internazionale per omicidio, tentato omicidio, violenza e sfruttamento della prostituzione. Il giovane è stato arrestato, dopo tre giorni di appostamenti, dagli agenti del Gssu della polizia municipale, assieme ad altri suoi complici.

Le indagini sono scattate due notti fa durante un servizio di pattugliamento anti prostituzione. Gli agenti hanno visto scaraventare una ragazza da una Golf. La giovane, una prostituta 18enne albanese, era piena di lividi e ha raccontato di essere stata violentata da 10 connazionali a turno. "Se parli ammazziamo il tuo fratellino" le avrebbe più volte detto il 17enne. I vigili si sono diretti a casa del giovane che nel frattempo si era dato alla fuga. A quel punto hanno effettuato appostamenti davanti alla sua auto, parcheggiata fuori dall'abitazione. Cosí hanno arrestato uno dei suoi complici, sposato con una giovane attualmente incinta. Solo la scorsa notte sono riusciti ad arrestare il 17enne, bloccato mentre passava nei pressi dell'abitazione in una Smart.

Dalle indagini è emerso che anche un'altra ragazza, una 16enne, era vittima della banda. "Mi ha venduto per 2mila euro a un complice" avrebbe raccontato la giovane. Entrambe le ragazze al momento si trovano in un luogo protetto.