Frascati, agguato anarchico contro l’Enel

0
55

Un’altra azione dimostrativa a Frascati da parte dei gruppi anarchici. Dopo gli attacchi alle banche nella zona del centro storico, un nuovo episodio si è verificato ieri notte in via del Castello, intorno alle 4,30. Ad essere preso di mira è stato il “punto Enel” con scritte e anche una bottiglia incendiaria. Gli anarchici, probabilmente un gruppetto di persone, hanno divelto una parte del portone in legno dell’Enel e hanno gettato la bottiglia all’interno del locale provocando alcuni danni con le fiamme. Successivamente hanno “firmato” la propria azione con frasi come “Enel domina e distrugge” o altre scritte riportate sui muri di alcune abitazioni di nuova fattura della traversa di fronte (“Liberi dalla civiltà” e “Enel in 40 paesi del mondo devasta la terra”). In fondo a tutte le frasi, l’inconfondibile sigla dei gruppi di anarchia. I protagonisti dell’azione dimostrativa non sono stati notati da nessuno nonostante la vicinanza del punto Enel ad alcune abitazioni, mentre è stato immediato l’intervento dei vigili del fuoco di Frascati che nel giro di cinquanta minuti hanno completato lo spegnimento dell’incendio. Sul posto si sono poi recati esponenti della polizia di Frascati, ma anche della polizia scientifica di Velletri e della Digos di Roma alle quali sono affidate le indagini. Cresce la preoccupazione dei cittadini per questo genere di episodi: solo tre mesi fa, infatti, i gruppi anarchici avevano colpito con lo stesso “metodo” in due banche del centro (una filiale della Deutesche Bank in piazza San Pietro e un’altra della Banca Popolare di Sondrio in via Cairoli) provocando numerosi danni.

Tiziano Pompili