Spara al meccanico con il fucile da sub

0
32

Ha sparato con un fiocina al meccanico che non voleva riparare il suo motorino, ma ha colpito un passante. A compier e il gesto un pregiudicato romano di 20 anni, già sottoposto agli arresti domiciliari, con le accuse di tentato omicidio ed evasione.

Il giovane, qualche giorno fa, si era arbitrariamente allontanato dalla casa di via Valle Val d’Elsa in cui stava scontando la pena detentiva per andare nell’officina di piazza Filattiera a riparare il motorino. Vistosi respinto dal meccanico, un 51enne romano con il quale aveva contratto pregressi debiti per riparazioni mai pagate, il ragazzo al culmine di una discussione, lo ha colpito con un pugno al volto ed è scappato. Sembrava fosse finita lì e invece, pochi minuti dopo, il giovane si è nuovamente presentato nei pressi dell’officina, questa volta a bordo di una Smart. Alla vista del 51enne ha abbassato il finestrino e gli ha puntato contro un fucile da sub sparando una fiocina. Il dardo, però, ha colpito al collo un passante che stava parlando con il meccanico. Dopo l’agguato il 20enne è scappato mentre la vittima, immediatamente soccorsa, ha riportato fortunatamente solo una ferita di striscio. I carabinieri si sono messi sulle tracce del ragazzo che è stato scovato dopo alcuni minuti mentre si aggirava in strada subito dopo essersi disfatto del fucile: nonostante la strenua resistenza all’arresto, tentando di colpire i militari con una mazza di legno, il 20enne è stato immobilizzato e associato al carcere di Regina Coeli.