\”Definanziati raddoppio via Boccea, Pineta Sacchetti e Metro A\”, la denuncia del Pd

0
97

“Definanziamento di opere promesse e attese nel XVIII Municipio, come il raddoppio della via Boccea, il completamento del raddoppio di via della Pineta Sacchetti,il prolungamento metro da Battistini fino a Casal Selce. Neppure un soldo e fallimento delle promesse sulla fine dei lavori, al palo da quattro anni per l’Auditorium di Via della Pineta Sacchetti, per l’apertura del posteggio Cornelia, per la messa in sicurezza del Parco del Pineto, per lo spostamento del mercato di via Urbano II. Sono tra i motivi per cui il PD boccia il Bilancio comunale e l’operato della Giunta Giannini che non ha voluto convocare il Consiglio Municipale per discutere e dare il parere sul bilancio, con grave violazione delle regole istituzionali e dei diritti fondamentali dei i cittadini”. Così, in una nota, Alberto Filisio consigliere provinciale del Partito Democratico e Gianna Filardi capogruppo del Pd del XVIII municipio "che ha organizzato un incontro nella sala consiliare del municipio per illustrare ai cittadini – si legge nella nota – 'la verità' sul bilancio. All’incontro, oltre ai consiglieri del Pd, presenti anche il consigliere comunale del Pd Antonio Stampete, i capigruppo municipali di Sel Zappaterreno e di Api Pasqualini, il coordinatore municipale del Pd Mancinelli, l’associazione Forte Boccea Bene Comune, l’associazione Piccolomini, l’associazione Casalotti Libera, Cittadinanzattiva, i segeretari dei circoli del Pd del municipio".

“La Giunta di centrosinistra – spiega Filisio – aveva lasciato 31 milioni di euro per investimenti in fondo capitale da destinare, in particolare, ad opere come il completamento del raddoppio di via della Pineta Sacchetti. Di questi soldi, in bilancio sono rimasti solo 5 milioni di euro, del tutto insufficienti. Tanto meno in bilancio v’è traccia dei 5,2 milioni di euro promessi per il raddoppio della via Boccea, più volte annunciato dalla Giunta Giannini”.

"La crisi economica e il taglio di fondi statali – prosegue Filisio – non è sufficiente a spiegare il colpo di spugna su opere essenziali per la viabilità in questo quadrante". "Anche perché gli sprechi e gli strani favori non mancano – prosegue Filardi. “Un esempio? Da dicembre a febbraio un privato ha allestito un ‘Ice Park’ nel municipio. L’occupazione di suolo pubblico della pista di ghiaccio avrebbe dovuto far incassare 15 mila euro, invece l'amministrazione Giannini ne ha voluti soltanto mille. 14 mila euro persi – sottolinea Filardi – mentre nella scuola elementare S.Francesco due sezioni non possono neppure acquistare i banchi. Quei soldi stranamente 'rifiutati' potevano essere spesi per loro”.

"Anche sui fondi per il sociale finora ha prevalso l’assenza di trasparenza – sottolinea Filardi – Le risorse sono state ripartite con assegnazioni dirette per finanziamenti inferiori a 20mila euro, così da evitare di essere discusse in Consiglio. Dopo quattro anni di mancanza di trasparenza e concretezza – concludono gli esponenti del Pd – questo bilancio dà il colpo di grazia alla credibilità delle amministrazioni comunale e municipale, sancisce il fallimento di tutte le promesse della Giunta Giannini e la sua incapacità a rappresentare le esigenze dei cittadini e rispettarne il diritto ad essere informati su un atto come il bilancio, determinante per il futuro della capitale e dei suoi servizi essenziali. Per questo – conclude Filisio – l'incontro sarà il primo di altri incontri programmatici con la cittadinanza che merita una diversa, attenta ed efficace rappresentanza al governo della citta' e del municipio".