Città senza trasporti: traffico e disagi

0
22

Cancelli della metropolitana A e B serrati dalle 9, chiuse le ferrovie urbane Termini-Giardinetti, Roma-Viterbo e Roma-Lido. Bus, filobus e tram a servizio ridotto. Per tutta la giornata di ieri, fatto salvo la fascia oraria di garanzia, gli utenti del trasporto pubblico hanno penato per spostarsi in città. L'agitazione indetta dai sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti e Ugl Trasporti (24 ore) e da Fast Confsal (4 ore) ha avuto una adesione del 50 per cento (rilevazione Atac) con ricadute su l'intera rete locale.

Le conseguenze maggiori si sono riportate sulla circolazione stradale. La polizia municipale ha registrato rallentamenti su via Tuscolana, Appia Nuova, Tiburtina, Muro Torto, San Giovanni, Tangenziale Est e in zona San Pietro dove, per far scorrere le auto, è stata aperta in via delle Medaglie d'Oro la corsia preferenziale. Non è andata meglio sulla Cassia dove in direzione centro ci sono stati incolonnamenti dalla Giustiniana a Corso Francia e sul Gra. Per un incidente all’altezza del palazzo Sky, in direzione Roma, per circa 30 minuti il traffico è stato molto rallentato sulla via Salaria. Per quanto riguarda il centro città, le situazioni di traffico più intenso si sono registrate a piazza san Giovanni e zone limitrofe, a san Pietro con rallentamenti in via Leone IV per lavori al manto stradale su via Candia e a piazzale Clodio. Rallentamenti anche sul Lungotevere.

Sulla via Cristoforo Colombo, invece, a creare qualche incolonnamento, in direzione Roma, è stato un tir in panne al km16. Per fluidificare il traffico e intervenire per prevenire intasamenti il comando della polizia locale di Roma Capitale, in sinergia con i gruppi territoriali, ha messo in campo oltre 1500 agenti che hanno lavorato fin dalle primissime ore del mattino.

Prevista invece per oggi la riapertura alla stazione Termini dell’ingresso alla Metropolitana nell’atrio Linea A.

Chi proviene dalle discenderie di piazza dei Cinquecento, lato via Giolitti e angolo via Cavour, avrà modo di evitare il lungo percorso interno alla stazione e potrà accedere direttamente alle due linee della Metro, servendosi di scale di collegamento completamente rinnovate e di scale mobili di nuova installazione. Le uscite dalla metropolitana rimarranno invece le attuali, nell’atrio Linea A e dalla banchina di Linea B direzione Rebibbia verso piazza dei Cinquecento. «Un ringraziamento a Roma Metropolitane, per l’efficienza con cui sta portando avanti i delicati lavori di adeguamento del Nodo Termini. La riapertura dell’ingresso nell’atrio Linea A comporterà notevoli benefici per i flussi dei passeggeri e un ulteriore innalzamento degli standard di sicurezza. Entro il mese di giugno, poi, sarà riaperto un secondo ingresso alla Metropolitana dal centro commerciale e, nello stesso tempo, sarà possibile uscire dalla Linea B dal lato della banchina Laurentina per i passeggeri diretti alla stazione Termini», dichiara Antonello Aurigemma, assessore alla Mobilità di Roma Capitale. 

 

cinque