Donne marchiate a fuoco e messe in palio: 11 arresti

0
66

Erano attirate in Italia da connazionali romeni con la promessa di un lavoro sicuro ma, una volta giunte nel Bel Paese, venivano private dei documenti, intimidite con minacce di morte e poi rivendute ad altri connazionali, marchiate a fuoco con l’iniziale del nome dello sfruttatore o messe in palio come premi nei giochi d’azzardo.

Queste ragazze, principalmente romene appena maggiorenni, giunte in Italia finivano per diventare delle schiave. Approfittando della loro situazione di inferiorità psichica e dell’estrema povertà delle famiglie d’origine, su di loro veniva infatti esercitato un vero e proprio diritto di proprietà privandole della libertà personale e sottoponendole a un costante stato di soggezione psicologica e di coercizione fisica. Tra le vittime c’erano anche una ragazza vinta a dadi e un'altra condannata con "processo zingaro" a prostituirsi perché aveva tradito il marito sfruttatore.

A capo dell’organizzazione criminale una coppia di coniugi rom che circa tre anni fa aveva "comprato" per 10mila euro un tratto di via Aurelia particolarmente redditizio dove far prostituire le ragazze. Marito e moglie, come una sorta di imprenditori, subaffittavano gli spazi ai singoli sfruttatori che pagavano 50 euro al giorno per ogni ragazza. Le giovani che tentavano di ribellarsi venivano maltrattate e costrette a tornare sui loro passi.

A porre fine a questa organizzazione criminale sono stati i carabinieri della compagnia di Tivoli che hanno fermato 11 persone, 3 donne e 8 uomini, con le accuse di associazione per delinquere finalizzata allo sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione sulle strade della Capitale, riduzione in schiavitù ed alla tratta di giovani donne di nazionalità romena reclutate nei territori d’origine e avviate alla prostituzione.

È SUCCESSO OGGI...

Montanari: «Per tutto agosto pulizia grandi arterie stradali di Roma»

“Continuano per tutto il mese le operazioni di pulizia delle grandi arterie della Capitale iniziate lo scorso 6 agosto sulla via Laurentina. Fino a domani gli operatori di AMA lavoreranno su via Aurelia, poi...

Atac: «Non esiste alcun “documento riservato”, nessun pericolo sicurezza»

«Con riferimento all'articolo apparso oggi sulle pagine del Messaggero dal titolo "Atac, nuovo sos sicurezza. Sui treni della metro A maniglie d'allarme ko", Atac precisa che non esiste alcun "documento riservato", ma solo una...

Fiumicino, borse di studio per diplomati e laureati: per le domande c’è tempo fino...

I diplomati e laureati nell’anno scolastico o accademico 2015-2016 residenti sul nostro territorio potranno presentare entro il 18 settembre la documentazione per ricevere una borsa di studio dall’importo variabile a seconda del numero delle richieste inoltrate. La domanda...

Al Bioparco fine settimana dedicato agli oranghi

In occasione la Giornata mondiale dell’orango, sabato 19 e domenica 20 Agosto al Bioparco si svolgeranno due giornate dedicate a questi affascinanti ed intelligentissime scimmie antropomorfe. Presso l’area degli oranghi, dalle ore 11.00 alle 14.00...

“Rajche”, Subiaco svela le sue radici più profonde in tre giorni di festa

La città dei monasteri è pronta a svelare le sue radici più profonde. O meglio le “rajche”, come si dice nel dialetto di Subiaco, che traggono la linfa vitale da tradizioni, musiche, artigianato e...