Senza fogne e acqua: allarme nelle periferie

0
36

Né fogne né acqua potabile. E’ questa la situazione, che definire da terzo mondo è purtroppo d’obbligo, che accomuna i residenti di alcune zone di Maccarese e di Aranova. Nell’occhio del ciclone ci sono le abitazioni che sorgono a via Monti dall’Ara, su parte di viale di Porto, e poi a via della Muratella, viale dei Tre Denari a Maccarese. Ad Aranova, invece, tra le strade così drammaticamente prive di questi servizi primari ci sono via Villaverde e la zona Castiglione.

Ma, “naturalmente”, i problemi non finiscono qui. Ci sono da mettere in conto la mancanza di illuminazione, il generale degrado, le strade sfondate in entrambe le località del nord di Fiumicino. E la microcriminalità imperante, con le incursioni puntuali dei ladri. «Queste zone hanno tutte lo stesso problema – spiega il consigliere comunale Pd, Silvano Zorzi – niente fogne e acqua potabile. Non sono più stati più stati messi in cantiere interventi negli ultimi anni». «Anche l’illuminazione è un problema molto sentito», sottolinea Silvano Zorzi, che ritiene un ottimo deterrente l’installazione di pali della luce. Purtroppo non ce ne sono e strade principali come viale Maria, viale dei Tre Denari e la stessa via della Muratella sono completamente al buio la sera, il che incentiva la microcriminalità. “Vivere senza fogne e senza acqua potabile è molto difficile”, afferma Antonio Pugliese, residente ad Aranova. «Anche per lavare l’insalata o cucinare dobbiamo andare a prendere l’acqua alle fontanelle anche se l’amministrazione le ha tolte. La cosa che dà più fastidio?, chiede il cittadino. Il lassismo della maggioranza: non stanno facendo nulla. Sembra di vivere in qualche stato del Terzo mondo. E invece siamo a Fiumicino, 80mila residenti, tante case ma pochi servizi».

Pochi servizi, si diceva, come le strade. «Moltissime, soprattutto ad Aranova, spiega l’esponente Pd, Alessandra Vona, non sono in sicurezza, come via Austis: senza marciapiedi né illuminazione, stretta, tortuosa, pericolosa». Anche il trasporto pubblico è pensato per un’utenza di 10 anni fa, quando Aranova contava meno della metà degli abitanti. Via Elini, via Villamar, via Villaverde e Montelunghetto sono completamente escluse dal trasporto pubblico. In questi giorni è partita una raccolta firme per chiedere il completamento della rete fognaria, un nuovo progetto di mobilità, il rifacimento delle strade e la realizzazione di marciapiedi.

Maria Grazia Stella