“Patenti facili” agli stranieri, vendute tra i 2 e 4mila euro: 6 arresti

0
41

Sono in corso arresti a Roma e provincia nell’ambito dell’inchiesta sul rilascio irregolare di patenti di guida.

Al centro della vicenda i titolari di due autoscuole, alle quali fa riferimento una rete di quaranta agenzie di Roma, Anzio, Nettuno, Genazzano e altre località dei Castelli Romani. Nella concessione illegale dei titoli di guida a persone prive dei requisiti coinvolti anche quattro funzionari della Motorizzazione Civile di via Salaria e via Laurentina.

Le indagini, le intercettazioni telefoniche e ambientali, hanno evidenziato un sistema di corruzione che consisteva nella vendita delle patenti per un prezzo che andava dai due ai quattromila euro. A quanto accertato dalla polizia municipale, i quattro funzionari della motorizzazione aiutavano gli stranieri a superare i test, suggerendo le risposte esatte con segnali in codice o addirittura sedendosi alle loro postazioni.

Tra i quattro arrestati, tutti impiegati da anni, c'è anche una donna. Ad incastrarli le immagini registrate da alcune telecamere istallate a loro insaputa nelle sedi di via Salaria e via Laurentina che per oltre un mese hanno registrato lo svolgimento degli esami. Le indagini sono partite circa un anno fa in seguito a una serie di segnalazioni e ai numerosi controlli stradali della municipale in cui sono stati sorpresi alla guida stranieri che, nonostante non conoscessero una parola d'italiano, avevano preso la patente a Roma. Complessivamente sono cento la patenti sequestrate e 59 i soggetti indagati.