Parapiglia in Consiglio: seduta sospesa

0
73

Si è rischiata nuovamente la rissa nel Consiglio serale di martedì a Colleferro. Ed è il secondo episodio consecutivo nell’ultimo mese. Questa volta la protesta è partita direttamente dal pubblico presente. Il nodo del contendere riguarda l'acqua e i rifiuti.

E' stata infatti bocciata la mozione presentata dai consiglieri Sanna e Gessi (a fronte delle molte richieste pervenute da parte dei cittadini) con la quale si chiedeva di inserire nello statuto comunale un semplice ma fondamentale enunciato: "l’acqua è un diritto inalienabile e universale di tutti gli essere viventi; con questa preziosa risorsa non si può fare lucro e non può essere soggetta alle leggi del mercato”.

«Hanno considerato carta straccia il parere chiaramente espresso dal 62% degli elettori di Colleferro che esattamente un anno fa hanno votato SI all’acqua pubblica » – si legge in una nota stampa di Rete per la tutela della Valle del Sacco. «Questi signori, che dicono di rappresentarci, hanno votato NO a questo sacrosanto diritto». Bocciata anche la mozione per la quale si erano espressi già positivamente i Comuni di  Paliano  e Anagni sulla gestione dei rifiuti di Roma, sugli impianti di Trattamento Meccanico Biologico e sul piano rifiuti della Regione Lazio. A questo punto dai banchi è scattata la protesta. Il Consigli o è stato sospeso quando uno sparuto gruppo di persone che assisteva alla seduta ha cominciato a disturbare con veemenza, a seguito della votazione appena effettuata, con frasi urlate ai consiglieri, applausi e quant’altro, impedendo di fatto di proseguire.

Riunitisi i capigruppo consiliari si è deciso infine di aggiornare il Consiglio ad un’altra data. Più "pacifica" invece la discussione sulla rescissione della convenzione con Equitalia. Il Consiglio ha votato all’unanimità sì a un ordine del giorno presentato dalla maggioranza in apertura di seduta consiliare. Con l’adozione dell’atto l'aula ha dato mandato a sindaco e Giunta di risolvere il contratto con la società di riscossione entro il 31 dicembre di quest’anno, affidando la riscossione dei tributi direttamente agli uffici comunali e di richiedere al legislatore statale la sospensione degli interessi di mora per i crediti ancora esigibili.

«Questo non significa che siamo contro le tasse – ha detto il sindaco Mario Cacciotti – ma non vogliamo che i cittadini siano vessati qualora risultino morosi per qualche motivo. Esigere il pagamento di quanto dovuto è giusto ma deve essere fatto con modi più corretti e consoni al momento che stiamo vivendo. Soprattutto ora la riscossione deve tenere conto della difficoltà economica generale che si sta attraversando e quindi dobbiamo evitare che i cittadini vengano ulteriormente affossati da procedure persecutorie, praticate oltretutto con interessi moratori davvero troppo elevati».

cinque

È SUCCESSO OGGI...

Ricercato arrestato in aeroporto: uccise un uomo nel 2015

I carabinieri di Padova, in collaborazione con la Polizia di Frontiera Aerea di Roma Fiumicino, hanno dato esecuzione ad un arresto, firmato dalla Procura della Repubblica di Padova, nei confronti di un 23enne moldavo, ricercato...

3 milioni di euro in orologi e gioielli: smascherato il “tesoretto” della camorra

Nel corso delle perquisizioni scattate nell’ambito dell’operazione “Babylonia” - che ha portato a disarticolare due distinte associazioni per delinquere finalizzate all’estorsione, l’usura, il riciclaggio, l’impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita e...

Si finge invalido per derubare un’anziana: ecco la sua tecnica

Un Carabiniere libero dal servizio in forza al Nucleo Operativo della Compagnia Roma Piazza Dante ha arrestato un romano di 30 anni, con precedenti, subito dopo aver strappato una collana d'oro dal collo di...

Depeche Mode in concerto a Roma: la scaletta

Il tour mondiale dei Depeche Mode sta per sbarcare in Italia. Precisamente, a Roma. La pop-rock band britannica capitanata da Dave Gahan è pronta per portare allo stadio Olimpico, domenica 25 giugno, il suo pirotecnico "Global...

Da una borgata all’altra in motorino per spacciare cocaina

É stato bloccato dagli agenti della Polizia di Stato del commissariato Fidene Serpentara, a bordo del suo scooter in Via Ugo Ojetti, con 426 dosi di cocaina pronte ad essere smerciate al Tufello, borgata...