Cobas in corteo contro la precarietà

0
38

"Fermiamoli". Dietro questo grande striscione bianco, con la scritta rossa a caratteri cubitali, da piazza Repubblica ha preso il via il corteo dei sindacati per lo sciopero generale indetto dai sindacati di base "contro l'attacco alle condizioni e al diritto del lavoro, contro l'aumento della precarietà e contro lo smantellamento dell'articolo 18". A guidare il corteo un camion bianco, con le bandiere dell'Usb, che trasmetteva musica reggae.

I lavoratori, centinaia di persone provenienti da tutta Italia, hanno manifestato anche "contro l'aumento delle tasse, l'Imu e l'aumento dell'Iva, contro l'attacco alla pensione, al diritto alla salute e alla sicurezza sui posti di lavoro, contro le politiche economiche e sociali del governo Monti e il ricatto del debito operato dalle banche e dall'Unione Europea".

Tra le bandiere presenti, oltre a quelle di Usb, Cub, Usi e Unicobas, sventolano anche quelle di Rifondazione Comunista e del Partito Comunista dei Lavoratori. Molti gli striscioni preparati per l'occasione, come "La precarietà non fa scuola: assunt@ tutt@, assunt@ davvero", "No all'imbroglio sull'art. 18", "La precarietà non è un bene comune". Da piazza Esedra il corteo ha sfilato per via Cavour, via dei Fori Imperiali e piazza Venezia per poi terminare in piazza Santi Apostoli. Durante il percorso i manifestanti hanno lanciato uova.

Proprio in piazza Santi Apostoli alcuni manifestanti hanno posizionato dei "mattoni" di polistirolo davanti ad uno sportello bancomat della Deutsche Bank di piazza Santi Apostoli e, subito dopo, hanno acceso un paio di fumogeni, cercando di dar fuoco al bancomat. Il polistirolo però non ha preso fuoco, e i manifestanti hanno quindi desistito. Poco dopo davanti al bancomat è stata posizionata una bandiera rossa dei "Sindacati lavoratori in lotta".

Sono inoltre al vaglio della polizia le immagini registrate dalle telecamere lungo via Cavour per poter risalire agli autori dei danneggiamenti alle filiali delle banche durante il corteo indetto nel giorno dello sciopero generale.