Parcheggi selvaggi, caos sul lungomare

0
24

Come ogni estate che si rispetti, a Fiumicino insieme al caldo soffocante arrivano i soliti, annosi problemi legati alla carenza di parcheggi nei pressi delle varie località balneari. Il caos coinvolge Focene, Passoscuro, Maccarese e Fregene. Forse in proporzioni diverse, ma cause e conseguenze sono simili e, queste ultime, spiacevoli soprattutto per i residenti, costretti loro malgrado a dover convivere, soprattutto nei weekend, con un’orda di turisti “affamati” di mare e sole a tutti i costi, specie quando il compromesso equivale a una sosta sulle strisce o in doppia fila, magari condita da una multa neanche troppo spiacevole.

Di situazioni spiacevoli, invece, i residenti ne contano a bizzeffe perché in molti casi sono impossibilitati a muoversi con la propria auto e costretti a rimanere prigionieri nelle loro case in attesa che il maleducato di turno liberi il passaggio, magari consentendo ai “malcapitati” di potersi recare sul posto di lavoro. In alcuni casi, invece, sono spettatori non paganti di liti e risse, tutte scaturite dalla lotta per gli ultimi posti disponibili. Senza contare che in altri casi limite, le strade restano bloccate anche per i mezzi di soccorso.

Insomma per i residenti delle case vista mare non c’è pace e il problema principale è che questa situazione si ripete, nelle stesse modalità, da almeno dieci anni. E che nel frattempo, le ultime trovate dell’Amministrazione vanno nel senso opposto. Una recente ordinanza del sindaco ha infatti riservato 40 posti del lungomare di Ponente, a Fregene, ai partecipanti di una festa privata, facendo andare su tutte le furie molti residenti della zona e alcuni rappresentanti politici locali. In primis Massimiliano Graux, capogruppo del Pdl al Comune traianeo e principale sostenitore dell’istituzione della Ztl al Villaggio dei Pescatori, «unica ricetta possibile – dice Graux – a vantaggio di tutti, turisti e residenti». La proposta, ancora in fase di valutazione in commissione Personale e vigilanza urbana, dovrebbe tramutarsi a breve in progetto definitivo e approdare poi in Giunta. Difficile, però, che trovi accoglimento prima della fine dell’estate.

Diego Cappelli