Subsidenze, 53 abitazioni a rischio

0
105

Su 190 abitazioni nel solo territorio di Villalba si registrano “danni molto gravi” nel 9,1% dei casi, mentre da “danno grave” sono interessati il 13,5% degli alloggi. Per i restanti 137 immobili viene classificato un “danno nullo o lieve”. Sono terminati i sopralluoghi richiesti dal Comune di Guidonia Montecelio all'Amministrazione regionale a seguito delle istanze presentate dalla cittadinanza al di fuori dello stato di emergenza (cessato con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 16 luglio 2010) nell'ambito delle iniziative volte a fronteggiare i fenomeni di subsidenza che hanno interessato il comune di Guidonia Montecelio, nel quartiere di Villalba, e il comune di Tivoli, in quello di Tivoli Terme.

Lo rende noto una missiva del 7 giugno 2012 della Direzione regionale della Protezione Civile inviata al sindaco di Guidonia Montecelio Eligio Rubeis e al Comitato Città Termale “Tivoli Terme Villalba di Guidonia”. In allegato alla comunicazione l'elenco edifici visionati e dei rispettivi proprietari ai quali il Comune sta provvedendo a comunicare individualmente lo stato dei luoghi. Circa mille le famiglie coinvolte, che rischiano di veder sprofondare lentamente la loro casa a causa del lento e progressivo abbassamento verticale di un’area continentale “che può essere naturale o indotta in relazione”.

Tutti puntano il dito contro le vicine cave. Da anni si attende una risposta e di sicuro le notizie di ieri non hanno confortato certo i poveri residenti senza casa. I contributi richiesti e promessi dalla protezione civile, poi spariti e recuperati dagli uffici comunali, ora sembrano del tutto svaniti nel nulla. «In questi ultimi due mesi varie volte ho spulciato, con il mio staff, i finanziamenti e i fondi regionali per reperirvi somme da poter destinare ad interventi di ristrutturazione e consolidamento degli stabili di Villalba. – dichiara il sindaco di Guidonia Montecelio Eligio Rubeis – A tal fine è stato presentato, nell'ambito dei Plus Regione Lazio, un progetto per ottenere risorse da investire per il risanamento dei danni idrogeologici che però non è andato a buon fine. La verità è che gli enti sovracomunali non hanno risorse da destinare – continua Rubeis – e il problema è tale da richiedere un intervento straordinario del governo che metta a disposizione i fondi necessari per gli interventi».

Ad oggi sono stati spesi circa 60 milioni di euro per la messa in sicurezza degli immobili, ma tra lavori fatti male, ritardi e contributi che non arrivano, la popolazione esasperata è sul piede di guerra. I soldi sono arrivati dopo due anni, nell’ottobre del 2011, solo per 25 famiglie ed hanno coperto una parte dell’importo dovuto. Soldi ottenuti, tra l’altro, dopo proteste e manifestazioni dei cittadini esasperati; gli altri stanno ancora aspettando, almeno la prima tranche. Ora si rischia un buco nell’acqua.

È SUCCESSO OGGI...

civitavecchia

Roma, applausi per i carabinieri che arrestano uno scippatore dopo un inseguimento

Lo scorso pomeriggio, i Carabinieri del Comando di Piazza Venezia hanno arrestato un cittadino egiziano di 20 anni, con precedenti, dopo aver tentato di scippare una collana ad una turista statunitense, di 61 anni,...

Scuola dell’infanzia: Campidoglio lancia ‘Tutti al sicuro’ per promuovere educazione alla sicurezza

Promuovere l’educazione alla sicurezza fin dalla più tenera età, sviluppando nella scuola dell’infanzia iniziative orientate a prevenire gli incidenti e a garantire comportamenti corretti, sia individuali che di gruppo. Con questo obiettivo l’amministrazione ha lanciato,...
pompieri-vigili-del-fuoco-incendio-pomezia

A fuoco capannone di rifiuti a Malagrotta: paura a Roma

I vigili del fuoco segnalano un incendio in un capannone di Via di Malagrotta 257. La superficie su due piani con superficie 60 × 30  sarebbe adibita a deposito  di rifiuti probabilmente generici.   Tre squadre di...

Sequestro di persona a scopo di estorsione: un arresto a Labico

A conclusione di una complessa attività d’indagine, i carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Palestrina hanno arrestato un uomo italiano di 40 anni, con precedenti, con le accuse di sequestro di persona a...

Rapinano un turista, fermate 5 baby ladre

É rimasto incredulo il turista spagnolo, di 30 anni, che ieri pomeriggio, in piazza Gioacchino Belli, a Trastevere, si è trovato i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Piazza Dante in borghese di...